Cessione Milan, si firma la prossima settimana: ecco il budget per il mercato

Cessione Milan, si firma la prossima settimana: ecco il budget per il mercato

Ultimi aggiornamenti sulla trattativa per la cessione dell’80% del Milan: dettagli, penali previste nei contratti e soldi per il calciomercato rossonero

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Secondo quanto riportato da ‘corrieredellosport.it’, la trattativa tra Fininvest ed il consorzio cinese di imprenditori rappresentato da Sal Galatioto e Nicholas Gancikoff è in dirittura d’arrivo: non ci sono più dubbi sul fatto che l’80% delle quote della società di Via Aldo Rossi passerà in mano asiatica, con il benestare di Silvio Berlusconi, sebbene, finora, la data per la firma sui contratti sia slittata di continuo. Si sarebbe dovuto firmare il 15 giugno, poi si è passati al 30, quindi al 7 luglio, infine al 15 e, adesso, secondo le ultime indiscrezioni, la prossima settimana. Questo perché un po’ è pesata l’operazione di sostituzione della valvola aortica subita dal Presidente rossonero e la sua successiva convalescenza ospedaliera, ma, soprattutto, ha fatto notare il giornalista del ‘CorSport’ Pasquale Campopiano, hanno inciso le numerose clausole da mettere a punti nei contratti di cessione della maggioranza del Milan.

Fininvest, infatti, avrebbe chiesto a Galatioto e Gancikoff garanzie su quel 20% che resterà da acquisire nel giro di due anni: l’azienda vuole che gli acquirenti cinesi garantiscano, sin da ora, prezzo ed acquisizione delle restanti quote, senza ulteriori contrattazioni future. Galatioto ci sta pensando, ed i prossimi giorni saranno utilizzati proprio per trovare un accordo definitivo su questo punto. Quindi, i cinesi garantiscono, da subito, 100 milioni nel momento della firma dell’accordo preliminare: soldi, questi, che non sarebbero utilizzati sul mercato, ma come ‘caparra’, a garanzia dell’operazione in attesa del ‘closing’, previsto per fine settembre. La stessa cosa, è scritto sulla versione online del ‘CorSport’, farà Fininvest: se verrà meno agli accordi presi con i cinesi, restituirà la cifra agli investitori asiatici e corrisponderà in più, come ‘penale’, la stessa cifra. Nel momento del ‘closing’, entreranno i soldi liquidi, che saranno investiti sul mercato di gennaio.

A proposito di mercato: sarà condiviso, fino alla firma del closing. Per quanto concerne il budget, Campopiano ipotizza che, al momento, saranno investiti una cinquantina di milioni di euro nella sessione estiva, da sommare alle altre operazioni. Cedendo Carlos Bacca, per esempio, il budget a disposizione della coppia Galliani-Gancikoff salirebbe a 80. Gli investitori che entreranno (inizialmente erano 8, alla fine il Milan sarà rilevato da 3-4 grandi nomi) sono tutti leader di aziende importanti, legate anche allo Stato cinese. La trattativa, quindi, è complessa ed elaborata, ma vicina all’happy ending.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Comunicato ufficiale Milan – Zapata operato, controllo tra 6 settimane

Da Thiago Silva ai flop: Milan, storie di sostituti mancati (e costosi)

Niang, intesa con Montella: il tecnico punterà su di lui

Intrigo di mercato: Zielinski tra Milan e Liverpool

Bacca: “Ho tante offerte, deciderà il Milan. Voglio giocare in Europa”

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Sulla nostra nuova ‘App’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy