Cessione Milan, Berlusconi frena: i prossimi giorni decisivi

Secondo quanto riferito da Sky Sport, ci sono ancora molti dubbi sulla cessione del Milan, da parte dello stesso presidente rossonero Silvio Berlusconi.

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon
Silvio Berlusconi, ex Presidente del Milan

Secondo quanto riferito da Sky Sport, ci sono ancora molti dubbi sulla cessione del Milan, da parte dello stesso presidente rossonero Silvio Berlusconi, che pare stia frenando.

Certo, la situazione non è ancora definitiva e tutto può ancora succedere. Ma qualcosa sembra cambiato. Sicuramente non saranno stati i numerosi paletti inseriti da Berlusconi alla trattativa, oltre che le numerose poco piacevoli battute dell’ex Premier sull’argomento, a rallentare la trattativa, ma forse la consapevolezza che perdendo il Milan, Berlusconi potrebbe perdere l’ultimo suo grande affetto.

Negli ultimi due giorni qualcosa non è andato per il verso giusto, e le conferme arrivano da molte parti. Berlusconi l’aveva detto, se non vendo il Milan sarà italiano e giovane, lo ha ribadito ed è anche per questo che i dubbi stanno crescendo. Sarà un bluff? Oppure il presidente sta facendo di tutto per scoraggiare i cinesi all’acquisto? Fatto sta che Berlusconi vuole restare attaccato al suo Milan, tanto che a dieci giorni dalla scadenza dell’esclusiva, le sensazioni non sono affatto positive. La fumata bianca si allontana, ma tutti sanno che con Berlusconi di mezzo mai dare nulla per scontato.

La prossima settimana, a elezioni concluse, si capirà qualcosa di più: se questa frenata rimarrà un semplice momento di riflessione o sarà una chiusura definitiva al Milan d’Oriente.

 

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

I possibili acquisti del Milan, in ottica Europei

Sondaggio, che Milan vorreste?

Ottovolante Berlusconi: tutti i pareri e le sterzate del presidente rossonero

Milan, i cinesi ti coprono di soldi: il piano della cordata

SEGUICI:

Sulla nostra nuova ‘App’
Su Facebook
Su Twitter

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy