news milan

Berlusconi: “Milan, giornata decisiva. Brocchi? Dipende dai cinesi”

Il presidente rossonero parla della trattativa con i cinesi e ammette che questa sarà la giornata decisiva

Redazione

Silvio Berlusconi, ex Presidente del Milan (credits: GETTY Images)

Silvio Berlusconi torna a parlare di Milan, stavolta su Radio Radio. Ecco le sue parole: "Amo fortemente il Milan, per cui nel caso dovessi separarmene, soffrirei moltissimo”.

Sulla trattativa con i cinesi: “Anch'io sono preoccupato che le cose vadano troppo per le lunghe. Le società cinesi che si sono interessate al Milan hanno un fatturato grandissimo e anche delle partecipazioni statali, sono loro che si stanno confrontando per vedere quale percentuale attribuirsi. Io sono stato chiaro: chi entra deve garantire gli investimenti necessari a riportare il Milan in alto in Italia, in Europa e nel mondo. Serve la sicurezza che questi signori vogliano fare del Milan una gigante del calcio mondiale”.

Sulla crisi del Milan: “Non credo sia solo colpa degli allenatori, negli ultimi 4 anni io ho perso serenità ho affrontato 73 processi e ho passato interi pomeriggi con i miei avvocati per le oltre tremila udienze.Avrei voluto essere più vicino al Milan e forse è mancato lo stimolo del rapporto diretto che sapevo instaurare con i calciatori. Oggi il Milan che è andato in campo mi ha fatto soffrire perché ero sicuro che potesse dare molto di più. Abbiamo una rosa capace di fare molto di più di quanto è stato fatto e in Coppa Italia si è visto”.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso