Bazzani: “Con Giampaolo gioco di squadra, ma Paquetà chiave”

Bazzani: “Con Giampaolo gioco di squadra, ma Paquetà chiave”

Ai microfoni di Milan TV, l’ex attaccante del Venezia Bazzani ha parlato del futuro del club nella prossima stagione. Ecco le sue parole.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – Ha giocato in tantissime squadre, ora è allenatore in seconda del Venezia, una delle tante con cui ha segnato. Stiamo parlando di Fabio Bazzani, però grande tifoso del Milan. Ai microfoni di Milan TV ha fatto il punto sul momento attuale del club rossonero. Ecco le sue parole: “Qualora dovesse arrivare Giampaolo, il Milan potrà finalmente giocare con il 4-3-1-2. Il tecnico lo conosce a memoria e lo insegna al meglio in ogni sua squadra. È un modulo che porta densità e organizzazione, ma poi serve una attenzione mentale al massimo per tutta la durata del campionato. Il suo lavoro in fase di ritiro è maniacale, rivede la postura del corpo di tutti i giocatori e presta massima attenzione a ogni dettaglio. Attenzione però, per giocare col trequartista servono i giusti interpreti, non tutti i giocatori di calcio sono fatti per il 4-3-1-2”.

Se sarà un Milan rivoluzionato: “Assolutamente sì. Al centro ci sarà gioco e collaborazione di reparto. Sarà veramente un cambio totale rispetto al gioco basato solo sui singoli delle ultime stagioni. Tutti pensano alla stessa maniera, questo è il centro focale dell’idea di Giampaolo”.

Se c’è già materiale in rosa per Giampaolo: “Paquetà assolutamente è uno di questi, un trequartista che ha fantasia ma anche gambe forti e facilità di corsa. Un altro può essere Biglia come regista, poi serviranno due punte di lavoro, quindi Piatek dovrà fare qualcosa di diverso rispetto al solo finalizzatore. Infine due mezz’ali di doppia fase, attacco e difesa”.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy