LIVE PM – Montella: “Suso non sarà della partita. Romagnoli e Rodriguez complementari”

LIVE PM – Montella: “Suso non sarà della partita. Romagnoli e Rodriguez complementari”

Domani il Milan ospita l’Austria Vienna: una vittoria significherebbe il passaggio del turno in Europa League. Tutte le dichiarazioni della vigilia

di Redazione

Finisce qui la conferenza stampa di Vincenzo Montella

Montella e l’importanza dell’Europa League: “Domani sarà la competizione più importante, da domenica lo sarà il campionato, ma il Milan crede molto nelle competizioni europee, la vogliamo onorare fino in fondo, anche perchè non giochiamo in Europa da qualche anno”.

Storari e il ruolo di secondo: “Dopo cinque anni con Buffon sono abituato, all’inizio non la prendevo benissimo, ma so come vanno le cose, poi ho una certa età. Io comunque provo a dare sempre tutto e ad essere un esempio per Donnarumma che ha grossissime potenzialità. Se gli ho insegnato qualcosa? No, anzi qui sto imparando qualcosa io con questo preparatore dei portieri penso comunque che Donnarumma sia un grande portiere”.

Montella e la preparazione atletica: “Il Napoli fisicamente è una squadra fortissima, corre tantissimo, ma è un caso atipico. Tra le due squadre, sabato, c’è stata la differenza più netta rispetto alle altre partite dell’anno, il Napoli ha corso molto più di noi, ma probabilmente lo ha fatto perchè abbiamo tenuto noi la palla, solitamente chi non ha la palla deve correre di più, poi qui è sempre così, i giudizi sono dettati dai risultati”.

Montella su Rodriguez: “Lui e Romagnoli sono complementari. Con il Sassuolo non ha giocato, era a rischio infortunio, un rischio che ha portato avanti anche in Nazionale, ma con me ha sempre giocato.  Solitamente più di 4 partite consecutive non ha mai fatto, poi sempre piccoli infortuni, con me ha fatto una striscia di 9 partite consecutive, io a volte non riesco starvi dietro”.

Montella e le voci societarie in relazione alla squadra: “Quella di quest’anno e dell’anno scorso sono situazione diverse, vedo una squadra coesa, che crede nel lavoro dello staff tecnico. Quest’anno poi abbiamo obiettivi e aspettative diverse rispetto all’anno scorso, il mio lavoro non è focalizzato solo sull’oggi,  ma sul lungo periodo. Se vogliamo avvinarci al Napoli dobbiamo lavorare sulla mentalità e sul gioco e qualche sconfitta può capitare, ci stiamo arrivando. Tutti avete sottolineato come non abbiamo messo piede in area nel primo tempo contro il Napoli,ma poi ci sono anche altri numeri, abbiamo fatto 13 tiri, l’Inter 11 e tenuto la palla per il 55% del tempo. Colpa degli attaccanti quindi? No colpa mia, le cose che non vanno sono colpa mia, abbiamo fatto oltre 200 tiri quest’anno, ma solo 73 in porta, poche squadre hanno tirato come noi”.

Montella e le pressioni in Europa League: “Abbiamo la possibilità di mettere in cassaforte un obiettivo, intermedio, ma un’obiettivo e poi dobbiamo onorare il nostro pubblico che domani verrà a vedere la partita, abbiamo una grande occasione”.

Montella e gli articoli di Marca e NY Times: “Fatemi fare una battuta, non capisco quello che scrivete voi, figuriamoci quello che scrivono gli stranieri [ride ndr], ma noi dobbiamo pensare sempre solo alla squadra anche perchè sono sempre in bilico, almeno così scrivete voi e quello che scrivete voi è sempre importante”.

Montella e il suo ottimismo: “Il cammino in Europa League è molto, molto lungo, non puoi pensare di focalizzare tutte le tue speranze solo su questa competizione, ma è un’opportunità importante a cui teniamo, poi pensiamo al campionato. Se domani vinciamo e ipotechiamo il passaggio del turno poi ci sono 7 partite per focalizzarsi sul campionato al 100%. Una competizione non esclude l’altra, ma pensare adesso la finale è veramente troppo lontana e soprattutto fino a febbraio si gioca solo il campionato e dobbiamo recuperare, poi a quel punto si deciderà su cosa puntare”.

Storari e un paragone con la sua Juventus: “Vedo segnali positivi da questo gruppo, vedo serenità, per raggiungere certi obiettivi bisogna esserlo, poi è vero che siamo al Milan e che non si vince niente da anni e c’è molta pressione, ma questa è una squadra giovane. Poi forse, adesso, preferirei qualche brutta prestazione, ma con i tre punti, ma stiamo trovando la giusta maturità”

Montella e le prossime partite: “In Italia non ci sono partite facili, è vero, ma ora affrontiamo solo squadre sotto di noi in classifica, dobbiamo far valere la nostra forza e crescere in classifica, ora pensiamo all’Europa League, poi al campionato, abbiamo voglia di fare bene e abbiamo tutti i mezzi per farlo”.

Montella e l’X-Factor del Milan: “E’ una squadra giovane, qualche si lo abbiamo ricevuto, ma ora dobbiamo continuare a crescere”.

Montella e la cena: “Non c’è stata nessuna imposizione, è una cosa che hanno deciso tra loro e credo sia il sintomo che la squadra sta diventando un gruppo, credo che se gli equivoci di nuova stagione, se mai ci sono stati, sono alle spalle”.

Storari e la cena dell’altra sera: “E’ una cosa normale per un gruppo, una cena come se ne fanno tante. Giuramenti particolari? Nessuno. Io non vedo un momento critico, ci mancano solo i risultati per fare il definitivo salto di qualità, ma stiamo decollando”

Montella e le critiche: “Mi dite che cambio molto formazione, ma in realtà non si può fare altrimenti”

Montella e i problemi dell’attacco: “Ho smesso di pensare da calciatore, senza giri di parole dobbiamo fare di più. Dobbiamo servire di più gli attaccanti e con più velocità e soprattutto dobbiamo fare meglio le ultime scelte però. Contro il Napoli abbiamo tirato tanto in porta, solo l’Atalanta ha tirato più di noi, ma dobbiamo essere più precisi”.

Montella sui sedicesimi: “Ci teniamo molto, non è proprio un traguardo, diciamo più un intermedio, sicuramente è un obiettivo importante, sarebbe una buona cosa, ci permetterebbe di dedicarci di più alle partite di campionato”.

Parla Storari: “Il Milan non può sottovalutare nessuno visti i risultati, domani possiamo chiudere il discorso qualificazione, ci teniamo e stiamo preparando la partita da domenica, domani faremo sicuramente bene”.

La condizione di Suso: “Non sta benissimo, vogliamo preservarlo e domani probabilmente non sarà della partita, le due punte sono una possibilità domani, hanno fatto benino, ma dobbiamo fare di più stiamo lavorando”.

Inizia la conferenza stampa, si parte da Vincenzo Montella: “Abbiamo bisogno di risultati, oltre alla crescita della squadra. Questa è un’opportunità importante per chiudere al primo posto nel girone di Europa League, una cosa a cui teniamo moltissimo dopo aver fatto con cammino lineare”

dal nostro inviato a Milanello, Edoardo Lavezzari

Termina qui l’intervento di Montella a ‘Milan TV’. Tra poco la conferenza stampa!

Sui tifosi: “Ci sono sempre stati vicini. Capisco che ci possa essere un po’ di delusione per alcuni risultati, ma sono sicuro che saranno sempre al nostro fianco a sostenerci”.

Sul campionato: “Vincere aiuta a vincere. Dobbiamo pensare ad una gara alla volta. Io vedo la squadra in crescita”.

Su Biglia e Kalinic: “Conoscevano già il nostro campionato, ma hanno iniziato a lavorare con noi più tardi. Ora stanno migliorando, ci aspettiamo quel qualcosina in più anche da loro”.

Sui pareggi contro l’AEK: “All’andata abbiamo fatto meglio che al ritorno. Nonostante i due pareggi siamo comunque primi e domani dobbiamo mettere al sicuro la qualificazione”.

Su Calhanoglu: “Ci può dare il cambio di passo. Puntiamo molto su di lui, finora ha fatto solo una parte delle sue qualità. E’ il giocatore che ha più fantasia”.

Su Borini: “E’ un ragazzo che non molla mai, ha un grande senso di responsabilità. Può giocare ovunque e ha grande spirito di sacrificio”.

Sulla gara di andata: “Fu una bellissima serata nonostante non fossimo arrivati nelle migliori condizioni. Mi era piaciuto molto lo spirito messo in campo dalla squadra, domani voglio vedere lo stesso spirito”.

Sul percorso europeo: “Ci teniamo molto, l’Europa è la casa del Milan. Dobbiamo mettere al sicuro la qualificazione così da poter pensare poi soprattutto al campionato”.

Montella, prima della conferenza, ha parlato in esclusiva a ‘Milan TV’:

Domani, giovedì 23 novembre, alle ore 21:05, i riflettori dello stadio di San Siro si accenderanno per Milan-Austria Vienna, quinta gara del Gruppo D di Europa League: i rossoneri di Vincenzo Montella, attualmente primi nel girone con 8 punti e due lunghezze di vantaggio sui greci dell’AEK Atene, hanno la grande opportunità di centrare, con una vittoria, la qualificazione al turno successivo con una giornata di anticipo. Gara, dunque, molto importante per il futuro ed il morale del Milan, che anche attraverso l’Europa League deve cercare di risollevare una stagione fin qui deludente. Vincenzo Montella, tecnico rossonero, e Marco Storari presenteranno tra poco, alle ore 12:30 a Milanello, nella consueta conferenza stampa della vigilia dei match, i temi principali della sfida contro i biancoviola: restate su ‘Pianeta Milan’ per non perdervi nemmeno una dichiarazione dell’Aeroplanino!

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan, l’attacco è in crisi: Montella chiama Cutrone

Verso Milan-Austria Vienna: forfait Suso, si ferma Abate. Febbre per Romagnoli

Europa League: i risultati delle avversarie del Milan nell’ultimo weekend

Milan, le info sui biglietti per le gare contro Austria Vienna e Torino

Milan-Austria Vienna: designati arbitro ed assistenti

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy