Milan, ecco i terzini che hanno fatto la storia rossonera

Il Milan, attraverso il proprio sito ufficiale ha voluto omaggiare i grandi terzini della leggendaria storia rossonera: scopriamoli insieme

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

fonte: acmilan.com

1- PAOLO MALDINI: IL NUMERO 3

La maglia numero 3 l’ha ritirata solo il Milan, ma se i vertici del calcio italiano lo avessero chiesto, l’avrebbero probabilmente ritirata anche le altre squadre italiane. Perché l’atleta bianco più forte e più esplosivo dell’intera storia del calcio europeo è sempre stato un campione trasversale. Anagrammata nel suo cognome, c’è la parolina magica: Milan.

2- SERGINHO: LA GRAZIA DEL GOL
Una libellula. Non soltanto nella fantasia dei telecronisti, ma proprio per il suo modo di stare in campo. Felpato e sorridente, leggero nella corsa e nell’approccio a tutte le cose del calcio, Serginho è stato un grandissimo crossatore e un protagonista di gol affascinanti. Nella parte finale della sua carriera, Carlo Ancelotti gli ha anche chiesto di difendere con attenzione. E lui lo ha fatto molto bene.

3- ALDO MALDERA: UN CAPITANO
Dopo Gino e Attilio, un altro Maldera. No, non era una moda. Era sostanza rossonera, classe e orgoglio d’appartenenza. L’Aldo della Stella era un giovane che si inseriva e faceva gol. Ma negli anni successivi ha saputo essere il capitano di una squadra in balia delle onde, prendendosi grande responsabilità e dando tutto per una tifoseria che in lui si riconosceva.

4- KARL HEINZ SCHNELLINGER: IL TEDESCO
Cudicini, Anquilletti, Schnellinger… iniziava così una delle filastrocche più belle dell’intera storia milanista. Tra il 1967 e il 1969 loro tre e altri otto hanno saputo vincere tutto: Scudetto, Coppa delle Coppe, Coppa dei Campioni, Coppa Intercontinentale. Nereo Rocco lo chiamava Volkswagen, i tifosi “Il tedesco”. L’uomo di Duren giocava un calcio atletico, ma anche ben dotato dal punto di vista stilistico. E con buona scelta di tempo negli inserimenti.

5- MARIO TREBBI: UN CAMPIONE SILENZIOSO
Altro giro, altra filastrocca: Ghezzi, David, Trebbi… Lui, discreto, umile e riservato, è il giocatore che tutti i tifosi sognano. Milanista nelle giovanili e milanista per tutta la carriera. A Bruxelles, nella finale del 1958 contro Di Stefano e Gento, era in panchina. Cinque anni dopo Mario sarebbe invece stato titolare nella finale vinta dal Milan sul Benfica a Wembley. La sua era una buona impostazione tecnica unita a una velocità notevole.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy