Primavera, Giunti: “Sconfitta che brucia, il pareggio ci stava”

Primavera, Giunti: “Sconfitta che brucia, il pareggio ci stava”

L’allenatore della Primavera Federico Giunti commenta così dopo la sconfitta di campionato subita dai suoi ragazzi in casa contro la Fiorentina

di Edoardo Lavezzari, @Edolave

Intervistato al termine di Milan-Fiorentina, il tecnico della Primavera rossonera Federico Giunti ha commentato così dopo la sconfitta dei suoi ragazzi: “Sono dispiaciuto perché avevamo condotto la gara come speravo. Abbiamo dato tutti e già questo è un ottimo punto di partenza. Era una gara aperta a tutti i risultati, mi sono piaciuti i ragazzi e abbiamo creato moltissimo. Forse ci manca qualcosa a livello di tenuta, spiace perché il pareggio ci stava. Il primo gol loro lo accetto, ma il secondo no perché è una situazione che avevamo più volte preparato in allenamento. In questo campionato non possiamo mai abbassare il livello di attenzione. Il punto di oggi avrebbe fatto la differenza a livello di morale. Per lunghissimi tratti siamo stati alla pari se non meglio, ma siamo squadre diverse. Loro hanno tecnica e fisicità, noi questo lo paghiamo ma non dobbiamo snaturarci. Queste gare sono state la svolta, pensiamo al Napoli. Affrontare una sconfitta nel modo giusto è importante, purtroppo le sfumature fanno la differenza”.

La partita: “Se avessimo fatto 1-1 non avrei cambiato le mie dichiarazioni post gara. La partita è stata sempre in equilibrio, poi loro sono strutturati per stare davanti e sono passati. Noi dobbiamo solo crescere in consapevolezza e alzare il livello di tenuta dei più giovani. Siamo stati perfetti, poi ci mancava sempre qualcosa negli ultimi 20 metri. Loro sono fortissimi nel pressing offensivo, ma una volta che li saltavamo avevamo il mondo libero alle loro spalle ma l’abbiamo sfruttato male. Abbiamo sbagliato la giocata e l’ultimo passaggio troppe volte”.

I singoli: “Tsadjout, Maldini e Capanni stanno giocando davanti e mi danno garanzie, ma in panchina ho atleti che mi danno garanzie. Non ho problemi. Per aumentare le conoscenze fra di noi serve giocare tanto insieme”.

Sala, Barazzetta e Soncin, acciaccati: “Soncin sta bene, Barazzetta ha avuto un piccolo risentimento muscolare che già lo aveva un po’ limitato in settimana. Sala ha preso una botta, poi alla fine ho capito che non ne aveva più”.

MILAN A CACCIA DI UN’ALA: QUATTRO NOMI NEL MIRINO

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy