Squadre B in Serie C: qual è la situazione del Milan?

Squadre B in Serie C: qual è la situazione del Milan?

La FIGC punta sulla crescita delle ‘seconde squadre’ per dare maggior spazio ai giovani talenti italiani: ecco da quali elementi sarebbe composto il Milan B

di Giovanni Calenda

Un progetto tanto ambizioso quanto dovuto: riportare il calcio italiano ai vertici del calcio mondiale. Dopo l’eliminazione dal Mondiale (che non avveniva da 60 anni), il nuovo quadro dirigenziale della FIGC punta su un caposaldo: gestire e monitorare la crescita dei giovani talenti in casa propria. Ed è così che, da circa un mese, il Commissario Straordinario Roberto Fabbricini e il subcommissario Alessandro Costacurta hanno proposto il progetto di inserire le ‘squadre B’ dei grandi club di Serie A in Serie C, a partire dal prossimo anno, il 2018-2019.

Quali sono i criteri di selezione? Un posto viene riservato a una ‘squadra B’, un altro viene riservato a una squadra ‘decaduta’ dalla Serie C (in grado di iscriversi al nuovo campionato professionistico) e un altro riservato alla squadra ripescata dalla Serie D.

Quali club possono iscrivere le squadre B in Lega Pro? Viene stilata una classifica sulla base di tre criteri. Maggior peso (40%) viene riservato a quelle squadre che detengono il maggior numero di giovani calciatori nella Nazionale italiana (dall’Under 15 all’Under 21), convocati per partite internazionali tra il 2015 e il 2018. Il vincolo principale sarebbe soltanto uno: possono partecipare i calciatori nati dal 1997 in poi, quindi considerati Under 21 dalla stagione 2018/19. Tornando agli altri due criteri: il 30% si basa sulla posizione in classifica ottenuta nell’ultimo campionato (il Milan si è posizionato sesto nel 2017/2018); e il restante 30% sul numero medio di spettatori allo stadio nelle ultime 5 stagioni (dal 2012/13 al 2016/17).

Qual è la situazione del Milan? Partendo dai calciatori di quest’anno convocati in Nazionale troverebbero sicuramente spazio: il portiere Alessandro Plizzari (in prestito alla Ternana) di cui si parla un gran bene – alcuni lo etichettano come l’indiziato numero uno per sostituire Gigio Donnarumma tra i pali. Il difensore centrale Marco Iudica (in prestito alla Grumellese in Serie D) e il terzino sinistro Gian Filippo Felicioli (in prestito al Verona) vanno ad aggiungersi agli altri prelevati dalle giovanili rossonere: i difensori centrali Matteo Gabbia e Gabriele Bellodi, i terzini Raoul Bellanova e Alberto Barazzetta (a destra), Andres Llamas e Axel Campeol (a sinistra). In mediana spazio a Emanuele Torrasi e Mattia El Hilali (capitano del Milan Primavera); e le punte centrali Lorenzo Colombo e Riccardo Forte. Tra i ‘big’ potrebbero ritrovarsi nomi come quello del trequartista Hachim Mastour, classe ’98, e del centrocampista José Mauri, come possibile fuori quota.

L’eventuale formazione di un ‘Milan B’ potrebbe dunque essere questa, schierata in un 4-3-1-2: Plizzari; Bellanova, Gabbia, Iudica, Felicioli; Torrasi, El Hilali, José Mauri; Mastour; Colombo, Forte.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Figc, le seconde squadre dalla prossima stagione: è ufficiale

UEFA-Milan, parla Uva: “La FIGC non può fare nulla”

PM – Lega Serie A, Fassone eletto consigliere

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy