Panchina Milan, Giampaolo: cinque motivi per cui è finito sulla graticola

Panchina Milan, Giampaolo: cinque motivi per cui è finito sulla graticola

L’esonero di Marco Giampaolo è opzione concreta. Luciano Spalletti favorito per la panchina del Milan. I 5 motivi per cui Giampaolo è sulla graticola

di Renato Panno, @PannoRenato

 CONFUSIONE TATTICA 

Lucas Paquetà, Milan, Getty Images
Lucas Paquetà, Milan, Getty Images

Il cambio di modulo dal 4-3-1-2 al 4-3-3 dopo una sola giornata è il sintomo di una confusione tattica che non ha mai abbandonato il Milan e Marco Giampaolo. Molti giocatori sono stati utilizzati in diverse posizioni e questo non aiuta a creare un’identità. L’esempio di Lucas Paquetà è lampante: Giampaolo ha sempre dichiarato di vederlo come mezzala e non dietro le punte. Dopo averlo impiegato come mezzala contro l’Udinese, l’allenatore del Milan lo ha lasciato in panchina contro il Brescia salvo poi utilizzarlo contro il Verona proprio nel ruolo in cui aveva dichiarato di non preferirlo: da trequartista.

VAI ALLA PROSSIMA SCHEDA

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy