Milan, mercato a fari spenti

Milan, mercato a fari spenti

Il mercato del Milan è ancora in alto mare, soprattutto con le vicende societarie in continuo sviluppo. Ma anche in caso di mancata cessione, i rossoneri avrebbero un piano.

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon
Tifosi del Milan

Sembra tutto fermo, ma qualcosa bolle in pentola. Il mercato del Milan non sembra decollare, mentre quello della altre sembra già essere a buon punto. Certo, le vicende societarie stanno avendo il proprio peso, fatto sta che ogni operazione deve essere concordata con la cordata cinese che fino al 15 giugno ha l’esclusiva per la trattativa di acquisto delle quote societarie rossonere. Ma i primi movimenti, seppur non in entrata, si stanno iniziando a vedere.

Rinnovati i contratti a Calabria, Antonelli e al capitano Montolivo, una linea maestra sembra essere stata tracciata. Come annunciato in serata, più o meno ufficialmente dal presidente Berlusconi, molti giocatori in scadenza andranno via e questo potrebbe essere visto come un punto di partenza. Nello specifico, lasceranno il Milan Christian Abbiati, Alex, Mexes, Balotelli e Boateng. Di questi tempi, tanta roba. I rossoneri si libererebbero così di stipendi molto alti che potrebbero essere reinvestiti su altri giocatori, più giovani e più performanti. Non solo, Berlusconi ha annunciato altri addii senza fare nomi, ma che si possono facilmente intuire. Anche in caso di non arrivo dei cinesi in società e il relativo fiume di denaro per il mercato, dovrebbero lasciare il Milan anche i vari Diego Lopez, Menez e Luiz Adriano, con grossi dubbi sulla situazione di Bertolacci e Honda, che potrebbero essere sacrificati in caso di arrivo di una buona offerta. Unite alle partenze in prestito di Ely e Simic, il Milan si troverebbe così con 10/12 giocatori in meno, cioè una rosa dimezzata e da rimpolpare con elementi di qualità. I soldi entranti dal riscatto della Roma di El Sharaawy, uniti a quelli entranti dalle partenze di Bertolacci, Honda, Lopez, Menez e di Matri, potrebbero permettere al mercato rossonero di partire con almeno una quarantina di milioni, oltre il risparmio sugli ingaggi.

Per questo, sono tanti i nomi che circolano per il Milan. In caso di una rivoluzione così importante, con il rientro di Gabriel, Agazzi, Paletta e Suso, il club rossonero potrebbe concentrarsi su un paio di acquisti importanti per difesa e centrocampo, e altri giovani già affermati per completare la  rosa. Nel reparto arretrato il nome di Mammana è quello che stuzzica di più i tifosi, data la sua giovane età e i suoi grandi margini di miglioramento. A centrocampo piacciono da tempo Witsel e Biglia, ma costano tanto e, senza Coppe, sarà molto difficile portarli a Milano. In avanti, se resta Brocchi, il Milan cercherà un trequartista, con tre nomi in lizza, Ben Arfa, Kovacic e Vazquez, che diano sostegno a Bacca e Niang, che a meno di super offerte, resteranno.

Ma tutto dipenderà dallo sviluppo delle vicende societarie: con l’arrivo dei cinesi, le cose potrebbero cambiare sia dal lato tecnico che da quello del mercato. Ora manca poco, presto conosceremo il vero futuro di questo Milan ferito ma ancora non ucciso.

 

Ti possono interessare anche:
Le durissime parole di Fabio Capello sul Milan di oggi
La possibile nuova difesa del Milan
L’identità dei cinesi che compongono la cordata che vuole comprare il Milan
Le ultime novità di mercato su Mario Balotelli, le parole odierne di Cafu e di Ambrosini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy