Milan, Lapadula ora è un caso: una questione che va chiarita al più presto

Milan, Lapadula ora è un caso: una questione che va chiarita al più presto

Gianluca Lapadula, contro il Genoa, è rimasto in panchina per 90′: Vincenzo Montella gli ha preferito lo spento Luiz Adriano. Cessione a gennaio?

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ieri sera, allo stadio ‘Luigi Ferraris’ contro il Genoa, Vincenzo Montella ha lanciato dall’inizio Andrea Poli e Keisuke Honda, giocatori poco utilizzati finora, in luogo di Ignazio Abate e Suso. Le riserve rossonere hanno deluso e, a partita in corso, quando il tecnico ha provato a salvare il salvabile, sullo 0-1 ed in dieci uomini per l’espulsione di Gabriel Paletta, ha inserito un attaccante al posto dell’evanescente giapponese.

Montella ha inserito Luiz Adriano, 29enne attaccante brasiliano, il quale, dopo i 45′ pessimi disputati ad inizio mese contro il Sassuolo, ha sprecato l’ennesima occasione di ribaltare le gerarchie del tecnico. Come evidenziato da ‘Calciomercato.com’, è rimasto in panchina per 90′ Gianluca Lapadula, 26enne attaccante italo-peruviano strappato, in estate, proprio al Genoa di Enrico Preziosi. A questo punto della stagione, le gerarchie dovrebbero essere chiare: il numero 9 rossonero, pagato a fine giugno ben 9 milioni più uno di bonus al Pescara, è o non è la prima alternativa di Carlos Bacca?

Lapadula, a detta di tutto l’ambiente, allenatore compreso, gode della stima di tutti: intanto, però, al ‘Ferraris’ Montella gli ha preferito il collega brasiliano. Rischia di palesarsi, presto, un caso-Lapadula: se, nemmeno in situazioni disperate, si punta sul ‘pezzo da 90’ dell’ultimo calciomercato rossonero, potrebbe profilarsi una cessione nella prossima sessione di trattative. Come dichiarato dallo stesso centravanti a ‘SportWeek’, qualora dovesse a malincuore lasciare il Milan, Lapadula gradirebbe partire soltanto a titolo definitivo. Magari, avrà la sua chance di mettersi in mostra già domenica pomeriggio, quando a ‘San Siro’ arriverà il suo Pescara.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Ambrosini: “Per il Milan obiettivo Champions: chiedere di più è sbagliato”

Genoa-Milan, ecco cosa salvare e cosa no dopo il ko di Marassi

Turnover fallito, mancano alternative ai titolari

Sondaggio: Milan k.o, quale la causa della sconfitta?

Berlusconi e C. Maldini nella Hall of Fame. Poker d’assi del Milan

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. anastasia - 3 anni fa

    con tutto il rispetto per Montella che finora ha fatto benissimo, in questa sconfitta ci ha messo del suo, sia inserendo un Honda lento e demotivato, sia lasciando fuori un lottatore come Lapadula. Perché poi questo ostracismo verso Pasalic, nazionale croato di cui tutti parlano molto bene?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy