Pres. Atletico Madrid: “Ottimista su Diego Costa, ma solo gratis”

Pres. Atletico Madrid: “Ottimista su Diego Costa, ma solo gratis”

Cerezo, presidente dei Colchoneros, ha parlato del possibile arrivo di Diego Costa dal Chelsea. Il club inglese, però, deve dare il via libera.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Il futuro di Diego Costa è sempre in bilico. L’attaccante spagnolo lascerà il Chelsea, questo è certo. La convivenza con Antonio Conte è ormai impossibile e il bomber ha manifestato in tutti i modi la voglia di andarsene dopo essere stato scaricato. Peccato che Diego Costa abbia in mente una sola destinazione, tra le più complicate: l’Atletico Madrid. I Colchoneros lo riabbraccerebbero volentieri, ma hanno il mercato bloccato fino a gennaio e dunque non possono acquistarlo se non gratis. Il Chelsea, però, non ha intenzione di lasciarlo partite e chiede 50 milioni.

Il presidente dell’Atletico Madrid, Enrique Cerezo, ai microfoni di Cadena Ser, ha parlato della situazione legata all’attaccante, sottolineando come possa arrivare solo a zero, ma confermandosi fiducioso: “Ha un contratto con un altro club, è un affare complicato. Finchè il Chelsea non darà il via libera al trasferimento, Diego Costa sarà un calciatore del Chelsea. Io comunque sono sempre ottimista nella vita”. Un’ipotesi è che l’attaccante vada in prestito per qualche mese in un altro club, finchè a gennaio non possa essere acquistato dall’Atletico. A meno che alla fine non decida di rinunciare al sogno Atletico Madrid e accetti un’altra destinazione. In quel caso occhio al Milan, che magari potrebbe aggiudicarselo in prestito con obbligo di riscatto a 50 milioni, richiesti dal Chelsea.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Calciomercato – Diego Costa, tutto fatto con l’Atletico

Il Milan resta alla finestra per Diego Costa

Conte: “Diego Costa? Basta, tutti sanno cosa è successo l’anno scorso”

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy