news milan

PROFILING – Praet, il predestinato che tutti vogliono

Dennis Praet, centrocampista dell'Anderlecht (credits: GETTY images)

Oggi, nella nostra rubrica dedicata ai 'profiling', andiamo alla scoperta di Dennis Praet. C'è chi pensa sia l'Eriksen belga e chi, invece, sostiene possa essere il nuovo Iniesta

Lorenzo Romagna

Nome: Dennis Praet

Età: 21 anni (14/05/1994)

Piede preferito: Destro

Prezzo: 9 mln (Fonte: transfermarkt.it)

Nazionalità: Belga

Squadra: Anderlecht

Storia: Nato a Lovanio (Belgio, ndr) il 14 maggio 1994, Praet inizia la sua carriera calcistica nelle giovanili del SJV Motbroek. Dopo appena una stagione, all’età di 6 anni, passa nelle fila dello Stade Leuven, dove resta fino al 2002. Anno in cui si trasferisce al prestigioso Genk. E’ proprio qui che il giovane centrocampista inizia a mostrare tutte le sue qualità, tanto da non passare inosservato agli occhi di diverse squadre europee. Ad avere la meglio, dopo che anche Arsenal e Ajax avevano mostrato un forte interesse, è l’Anderlecht che lo strappa al Genk per soli 20 mila euro. Piccolo indennizzo previsto per la formazione del giocatore. Dal 2010 al 2011, Praet viene aggregato nell’Under 19, dove ha il tempo per far capire al club belga che il campionato giovanile forse gli sta stretto. Dopo una stagione dal suo arrivo, infatti, viene spostato in prima squadra dove esordisce contro il Lommel United, in una partita di coppa nazionale. Da questo match in poi, in cui sforna ben due assist, inizia ad accumulare sempre più minuti, fino a chiudere la prima stagione con 9 presenze (2 in coppa e 7 in campionato). Ma è nella stagione successiva che diventa un perno della squadra allenata da Van den Brom, collezionando 34 presenze totali, tra cui anche ben 5 gettoni in Champions. Un progredendo anno per anno che lo ha portato, nell’attuale stagione, a collezionare attualmente 31 presenze totali, condite da 4 reti e 7 assist. Nonostante le ottime prestazioni fornite fino ad oggi e i numerosi trofei nazionali vinti con l’Anderlecht, non è ancora riuscito a trovare molto spazio nella nazionale maggiore del Belgio, dove conta soltanto una presenza.

Palmarès: 3 campionati belga (2011-2012, 2012-2013, 2013-2014), 3 Supercoppe del Belgio (2012, 2013, 2014).

Caratteristiche tecniche: Praet è in grado di ricoprire tutti i ruoli del centrocampo. Nelle giovanili dell’Anderlecht ha fatto di tutto: dal regista all’interno di centrocampo, fino anche all’esterno. Ma Besnik Hasi, attuale tecnico della squadra belga, sembra avergli inventato un ennesimo nuovo ruolo. Quello di trequartista. Anche se spesso continua ad essere impiegato come esterno di centrocampo. Insomma, una duttilità paragonabile a quella di Jack Bonaventura nel Milan. Il classe 1994, inoltre, è alto 181 cm ed ha una tecnica davvero invidiabile. ‘Molto preciso nei passaggi e negli assist’, si può leggere su wikipedia. Vero, ma non è tutto. Perché il belga ha una ottima visione di gioco e un tiro davvero interessante. Anche se la sua versione preferita sembra essere quella di ‘assist-man’.

Mercato: In casa rossonera, ormai da diversi anni, si parla della mancanza di un centrocampista di qualità. Così che, nello scorso mercato estivo, la società ha provato a risolvere i problemi della mediana prima con l'acquisto di Bertolacci, poi con quello di Kucka. Operazione riuscita a metà, perché ai rossoneri manca ancora una piena identità nella parte centrale del campo. Diversi sono i nomi che il club milanista sta valutando per la prossima stagione, tra cui figura anche quello di Praet, in grado - come già evidenziato - di ricoprire tutti i ruoli del centrocampo. Scrivere, però, che la concorrenza è spiegata forse è troppo riduttivo. Sono stati, infatti, 35 i club che hanno inviato i propri scout a visionarlo nel match contro l'Olympiacos. Tra questi, appunto, anche il Milan che dovrà fare attenzione a non farsi risucchiare dall'asta che ha in mente di far scatenare l'Anderlecht.

Curiosità: Quando nascono giovani emergenti, è sempre difficile non fare paragoni. Per questo in patria si sono formate due correnti: c'è chi crede che Praet sia l'Eriksen belga; e chi pensa che sia il nuovo Iniesta.

Nell'estate del 2014, il centrocampista stava per raggiungere l'Italia. Il Genoa, infatti, fu vicinissimo al suo ingaggio negli ultimi giorni di mercato.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso