TANTI ADDII, MA POCHI SOLDI PER LE CASSE ROSSONERE

di Arianna Alborghetti

Antonio Nocerino (fonte foto www.dnamilan.com)
Antonio Nocerino (fonte foto www.dnamilan.com)
Il primo a lasciare la rosa del Milan è stato Ricardo Kakà, poi è toccato ad Antonio Nocerino e il prossimo, ma non certamente l’ultimo, sarà Valter Birsa. Il brasiliano si è svincolato grazie ad una clausola che gli ha permesso si partire per l’Orlando City a parametro zero. Dalla sua vendita sarebbero potuti arrivare milioni importanti da destinare al mercato rossonero, ma l’unico beneficio che il Milan vedrà al suo bilancio saranno i 4,5 milioni di euro in meno da pagare del suo ingaggio (certamente non pochi per il giocatore che si è visto in campo negli ultimi mesi).Nocerino è partito in prestito per il Torino: anche qui nessun milione incassato e un-1,5 milioni di stipendio dal monte ingaggi. Troppo poco per un giocatore che non rientra più nei piani della società e di cui il Milan vorrebbe liberarsi al più presto. Stesso discorso per Valter Birsa, che lunedì firmerà il prestito per il Chievo. Il risparmio in questo caso varrà ancora meno: 300mila euro di ingaggio tagliati dalle spese. Senza dimenticare il caso Emanuelson: anche per lui il Milan si è trovato senza offerte ed il contratto è scaduto dopo tre anni a Milanello. Per lui è pronta la Roma di Garcia con la quale il terzino rossonero dovrebbe firmare in settimana.Insomma, per ora il mercato in uscita non sta regalando i risultati sperati per poter regalare qualche tassello importante a Pippo Inzaghi: i prossimi sulla lista sono Robinho, Matri e Balotelli. Paradossalmente, l’ultimo sembra essere quello con minor mercato (colpa anche delle parole di Berlusconi…).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy