Suso: “Clausola voluta da club e agente, ma sono felice qui”

Suso ha rilasciato una lunga intervista in cui ha parlato del proprio futuro. Contento di essere al Milan, ma un giorno vorrebbe tornare in Premier.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Il mercato è alle porte e il Milan, oltre ad acquistare dei giocatori che possano far fare grandi passi avanti, deve stare attento a non perdere i migliori elementi. Uno dei più caldi tra i potenziali in uscita è sicuramente Suso, che ha una clausola rescissoria da 40 milioni. Lo spagnolo, però, al “The Guardian” ha sottolineato per l’ennesima volta quanto si trovi bene in rossonero e come non abbia alcuna voglia di andar via. Ma non solo, ha parlato anche del rapporto con Gennaro Gattuso e tanto altro. Ecco le sue parole.

Sull’esperienza al Milan: “Sono cambiate così tante cose da quando sono arrivato qui. Non è stato facile: non ho giocato molto all’inizio e ho dovuto andare al Genoa in prestito per avere più spazio. Il Milan è sempre stato il mio sogno: quando ero un bambino guardavo i grandi giocatori che hanno vestito questa maglia e ora essere a giocare qui è incredibile. Sono fiero di poter giocare per il Milan e un giorno potrò dire a mio figlio che sono stato un giocatore del Milan”.

Sulla stagione: “Non è stata una stagione facile: c’erano tante aspettative su di noi, ma non abbiamo iniziato bene. Poi è arrivato Gattuso e ha migliorato tutto, e stiamo lavorando duro per arrivare al sesto posto. Il club è cambiato molto nell’ultimo anno e ha investito tanto nei giocatori. Non è mai facile quando ci sono cambiamenti di questa portata: rispetto ad inizio anno siamo migliorati molto. Inoltre, ci sono tanti giovani giocatori al momento qui, altra ragione per cui abbiamo bisogno di tempo. Ma siamo sulla strada giusta”.

Su Gattuso: “È impressionante: lavora 24 ore al giorno e pensa solo al calcio. Ama il suo lavoro, in ogni sua sfaccettatura: dopo tanti anni senza aver giocato in Europa, con lui abbiamo visto la luce. Sono sicuro sarà un grande allenatore: non ha passato molto tempo con noi ma ha già lasciato un segno significativo. In più, il suo carisma non è tutto. È bravo tatticamente, offensivamente e difensivamente. Sa come parlare ai giocatori, che corde toccare e il modo in cui un allenatore comunica con i suoi calciatori è fondamentale”.

Sul proprio futuro: “Sono felice al Milan. Quando ci sono voci su un mio possibile addio continuo a dire che sono felice qui e penso che il club creda lo stesso. Ho una clausola e questa è una cosa che sia il club che il mio agente hanno voluto. Se il club vuole continuare a restare nelle posizioni top e contare su di me, io sono qui per loro. È un momento importante della mia carriera e mi sento solo al 60-70% del livello che posso raggiungere”.

Su un possibile ritorno al Liverpool: “In un certo senso, sono diventato prima un uomo che un giocatore lì. È stata dura con lo stile di vita e la lingua, ma ricordo tutto di quel periodo: non ho giocato molto, ma ho conosciuto Steven Gerrard e sono stato compagno di Suarez, Coutinho, Carragher. Non dimenticherò mai la mia esperienza al Liverpool. Il calcio inglese è diverso, direi speciale: mi piacerebbe giocare ancora al Liverpool un giorno. Sono cresciuto lì ed è una grande squadra. Sono combattuto per la finale di Champions: se il Real vincerà sarò contento, perchè sarà una squadra spagnola a trionfare. Ma se dovesse vincere il Liverpool sarà felice ugualmente, perchè è la mia vecchia squadra”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan-Fiorentina, Cutrone sostituirà Suso

Milan-Fiorentina, il probabile undici rossonero: Cutrone al posto di Suso

Tegola Milan, Suso si ferma: campionato finito e futuro incerto

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy