MERCATO, LA RIVOLUZIONE ESTIVA E QUEL TESORETTO DA 75 MILIONI

di Redazione

Fonte: tmw-foto.tccstatic.com
Fonte: tmw-foto.tccstatic.com
Il restyling del Milan non coinvolgerà solo società e panchina, ma anche la squadra. Una parte della rivoluzione verrà fatta a gennaio, cedendo le ‘pedine’ minori, mentre in estate potrebbero arrivare i veri botti. Molto dipenderà dalle idee tattiche del nuovo allenatore, dalle sue necessità e valutazioni. Ma ovviamente anche dalla disponibilità economica del club e dalle competizioni europee (eventuali, a questo punto) cui il Milan parteciperà.La cessione di Ignazio Abate, cresciuto nel vivaio rossonero e da sempre terzino destro titolare dei rossoneri, potrebbe essere sacrificato per circa 15 milioni. Zenit, Arsenal e molte altre sarebbero in fila per lui. Incassare quel gruzzoletto e arrivare all’esterno destro dell’Arsenal Sagna, in scadenza di contratto, vorrebbe dire portare a casa senza esborsi un giocatore affidabile (anche sul piano internazionale) e avere la possibilità di investire quei 15 milioni in un altro giocatore. Piccolo particolare: prima, però, ad Abate dovrà essere rinnovato il contratto, altrimenti bye bye Milan, a zero. Il suo contratto scade a giugno 2014.La seconda partenza potrebbe essere quella di Mexes, già cercato in estate dall’Arsenal. A Wenger piace, ma il francese ha un contratto troppo pesante, per tutti, a dispetto di un cartellino in prezzo di saldo, circa 5 mln.E poi occhio a due nomi di livello: Stephan El Shaarawy e Mario Balotelli. Il primo è stato sulla bocca di tutti fino alla chiusura del mercato. Offerto di qua e offerto di là. il City era disposto a salire fino a 35, ma il Milan ha detto no. Ora il prezzo è sceso fino a 20. I tifosi sono dalla sua parte, il presidente anche, il nuovo allenatore, chi sa. Però, in tempi di crisi tutti sono sacrificabili. Anche Balotelli, entrato subito in sontonia con il Milan prima di eclissarsi improvvisamente. Raiola non aspetta altro, Berlusconi non lo ama (ricordate il discorso della mela marcia?) e senza Galliani in società perderebbe un bel parafulmine. Per 30-35 mln potrebbe partire.Ballano insomma 70-75 milioni. Una montagna di soldi, che potrebbero essere reinvestiti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy