Honda tra rinnovo e partenza: quale futuro per il giapponese?

Keisuke Honda sembrava destinato a restare al Milan, ma, negli ultimi giorni, si fa sempre più probabile una sua partenza: il punto della situazione

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Quest’oggi, lunedì 13 giugno, Keisuke Honda, trequartista giapponese del Milan, compie 30 anni. Il nazionale nipponico è arrivato al Milan nel gennaio 2014, proveniente dal CSKA Mosca, al termine di una lunga ed estenuante trattativa risoltasi nella maniera in cui Adriano Galliani ha sempre preferito operare, di recente: facendo vestire il calciatore di rossonero alla scadenza del suo contratto con la società russa.

Al Milan, Honda, non ha mai brillato per continuità di rendimento: il giapponese ha offerto lampi di classe, certo, ma a corrente alternata, ed il suo periodo migliore in maglia rossonera resta, con tutta probabilità, l’inizio della stagione 2014-2015, quando, sotto la guida tecnica di Filippo Inzaghi, schierato titolare fisso a destra nel tridente d’attacco, aveva realizzato 6 reti nelle prime 7 giornate di campionato. La sua stella, però, si è presto offuscata, e, nell’ultima stagione, Honda si è fatto apprezzare più che altro sotto il punto di vista tattico: per lui, gol ed assist con il contagocce, ma un enorme lavoro in fase di ripiegamento difensivo che lo ha reso elemento quasi imprescindibile tanto per Sinisa Mihajlovic quanto per Cristian Brocchi.

L’abnegazione e l’impegno del samurai non sono mai stati in discussione: in società, lo considerano un ragazzo intelligente, “un grande giocatore” (parola di Galliani), ed un professionista esemplare, al punto tale che, nei giorni scorsi, si era sparsa la voce di una sicura conferma in rosa anche per la stagione successiva, con conseguente prolungamento del suo contratto con il club di Via Aldo Rossi, in scadenza il 30 giugno 2017. La conferma di Honda sarebbe strategica, per il Milan, un po’ perché, tatticamente, il numero 10 costituisce sempre un calciatore sul cui fare totale affidamento, ed un po’ perché, con l’imminente (?) ingresso in società dei nuovi proprietari cinesi il nome e l’eco che Honda riveste in Asia avrebbero fatto da volano per l’espansione del brand A.C. Milan in Oriente.

Poi, come un fulmine a ciel sereno, nei giorni scorsi sono arrivate le dichiarazioni di Honda a ‘Sky Sport’, durante le quali ha rivelato, in sostanza, di non essere poi così soddisfatto di questi suoi due anni e mezzo in Italia, di non essere sicuro che il Milan voglia poi puntare con convinzione su di lui e che, soprattutto, lui non è più così certo di voler restare rossonero. Tra l’altro, non si tratta della prima volta che il ‘pacato’ Honda si lascia andare a dichiarazioni intrise di polemica, come, per esempio, nell’ottobre 2015, quando dopo lo 0-4 contro il Napoli, Honda disse che per far risorgere il Milan bisognava cambiare tutto, scaricando le colpe su Mihajlovic (e sulla società che non investe come Manchester City o PSG) e sollevando dalla responsabilità i giocatori. Dichiarazioni, poi, ribadite anche nello scorso gennaio, che provocarono una stizzita replica del tecnico serbo.

Forse, questi ripetuti ‘incidenti di percorso’ potranno essere alla base di un addio di Honda in questa sessione estiva di calciomercato: sull’ex CSKA Mosca, c’è l’interesse di molti club di Premier League, quali, su tutti, Everton, West Ham e Tottenham, pronte a presentare al Milan un’offerta economica per portare il giapponese in Premier League. Honda, che non ha mai nascosto l’intenzione di voler tornare a giocare le coppe europee, potrebbe pensarci; il Milan, nel caso in cui si vedesse recapitare un assegno di 7-10 milioni di euro, sicuramente ascolterà con attenzione le proposte provenienti dalla terra d’Albione. La sua cessione, infatti, porterebbe una bella plusvalenza nelle casse del club, il che non guasta mai.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Focus centrocampo: Milan, chi parte e chi potrebbe arrivare

Cessione Milan, in serata possibile saluto informale tra Galatioto e Fininvest

Pescara, Oddo: “Allenare il Milan il sogno di tutti gli allenatori”

Berlusconi: “Sono preoccupato, ma confortato da stima, sostegno e affetto”

Euro 2016 – Balotelli polemico su Instagram: “Forza Italia, ma i giornali …”

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Sulla nostra nuova ‘App’

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy