Eremenko squalificato due anni per cocaina: era stato ad un passo dal Milan

L’ex centrocampista di Siena ed Udinese, il finlandese Roman Eremenko, trovato positivo alla cocaina: sospeso in via cautelare, carriera a rischio

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Ricordate Roman Eremenko, centrocampista finlandese classe 1987, che in passato ha vestito le maglie di Siena ed Udinese nel campionato italiano? Durante recenti sessioni di calciomercato, si era fatto il suo nome anche in orbita Milan, interessato, da sempre, a reperire un degno erede di Andrea Pirlo. Eremenko, adesso, l’ha combinata grossa: è stato difatti squalificato per due anni dalla UEFA per non aver superato un controllo antidoping. In particolare Eremenko, al termine della gara di Champions League tra CSKA Mosca (suo attuale club) e Bayer Leverkusen dello scorso 14 settembre, è risultato positivo alla cocaina e ai suoi metaboliti.

La UEFA ha confermato oggi il responso ed annunciato la sanzione nei confronti del giocatore: “L’analisi del campione ha rivelato la presenza di cocaina e dei suoi metaboliti, uno stimolante classificato come sostanza vietata dall’Agenzia mondiale antidoping. In conseguenza di questo l’UEFA ha deciso di squalificare il giocatore Eremenko per due anni a partire dal 6 ottobre 2016, data della sospensione cautelare”. Significativa la dichiarazione a tal proposito del Presidente della Federcalcio russa, Vitaly Mutko: “Il problema di Eremenko non è legato al doping e neppure al calcio. Il club e il campionato russo non sono colpevoli di niente, è una questione privata che riguarda il giocatore”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Derby, Bacca ha fame di gol: è la sua chance

Milan, senza Romagnoli sono dolori

Calciomercato – Milan, idea Jovetic: a gennaio si tratta

Cessione Milan – Closing il 13 dicembre. Non ci sarà un Presidente?

Locatelli: “Io e Donnarumma 10 anni al Milan. Derby? Dobbiamo fare la partita”

SEGUICI SU: Facebook /// Twitter /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy