EREMENKO, L’ITALIA E UN RICORDO IN CHIAROSCURO

di Angelo Taglieri

udineseblog.it
udineseblog.it
Il nome nuovo per il centrocampo rossonero è Roman Eremenko, giocatore finlandese, attualmente al Rubin Kazan. Gioca, ovviamente nel campionato russo, dove gode di grande stima. Lo Zenit di Spalletti ha offerto per lui 20 milioni di euro, che sono stati rispediti al mittente; lo stesso Capello ne è rimasto folgorato, tanto che lo ha consigliato ai vertici rossoneri. Per far innamorare calcisticamente dei tecnici dal palato fine come Spalletti e Don Fabio, vuol dire che le qualità, in un modo o nell’altro, le devi avere. Evidentemente in Italia non lo abbiamo capito.Già, l’Italia. Roman è sbarcato nella nostra penisola nell’estate del 2005, direttamente dallo Jaro, club finlandese. Non è riuscito a mettersi in luce in Friuli, tanto che nel 2007 è andato a Siena, da un suo grande estimatore, Beretta. Il tecnico lo fece giocare 11 volte da gennaio e giugno, ma in queste partite non ha lasciato traccia. Tornato in Friuli, Marino gli dà poca fiducia, solo sette presenze tra campionato e Coppa Italia, tanto che venne “retrocesso” in Primavera. Nel 2008 lo acquista la Dinamo Kyev, e inizia una nuova carriera.Nel complesso, quindi, in Italia è sceso in campo 24 volte, senza mai fare giocate importanti. In Russia si è ritrovato, facendo conoscere a tutti di cosa è capace. Forse, ora, è giunto il tempo di prendersi alcune rivincite.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy