News Milan, 29 anni fa rossoneri in vetta al mondo grazie a Evani

News Milan, 29 anni fa rossoneri in vetta al mondo grazie a Evani

29 anni fa, il primo dicembre in vetta al mondo del Milan di Silvio Berlusconi grazie ad un gol di Alberigo Evani. Riviviamo Milan-Medellin

di Donato Bulfon, @DonatoBulfon

MATURANA E HIGUITA ATTENDONO SACCHI
Due guru sulla strada dei rossoneri. Francisco Maturana in panchina e Renè Higuita in porta. Arrigo Sacchi e Carlo Ancelotti ben sapevano che sarebbero stati gli ostacoli principali sulla strada del titolo mondiale. Il Milan sognava il secondo titolo iridato della propria storia, ma nonostante non avesse un grande nome, l’Atletico Nacional di Medellin non era da sottovalutare. Maturana insegnava un calcio innovativo, mediaticamente veniva considerato una sorta di Sacchi del Sudamerica. Higuita era invece un portiere saltimbanco solo in apparenza, in realtà era carismatico e guizzante fra i pali.

UNA FINALE INEDITA
Il Milan aveva superato la Steaua Bucarest a Barcellona, vent’anni dopo l’ultima Coppa dei Campioni vinta a Madrid. Il Medellin aveva battuto solo ai rigori, sul suo terreno, dopo due gare di andata e ritorno, l’Olimpia di Asuncion in Finale di Libertadores, in un’edizione in cui ne il River Plate e nemmeno il Boca Juniors si erano qualificati per gli Ottavi di finale. I rossoneri avevano disputato Finali mondiali in Brasile e in Argentina, ma mai a Tokyo dove c’era tanto traffico e dove i kimono affascinavano Baresi e Van Basten. Celebre la battuta in milanese sul “ginocc” del Cigno olandese, in quei giorni giapponesi. Milan favorito, ma Milan con tutto da perdere rispetto agli outsider colombiani.

IL 17 DICEMBRE 1989 DELLA VERITÀ
Con Fuser al posto di Evani in campo dall’inizio per scelta tecnica, sotto il sole dell’Olimpico di Tokyo il Milan inizia a lavorare ai fianchi il Medellin. Ma non si passa. I rumori delle trombette giapponesi accompagnano fino ai rigori la partita più tattica del mondo, nella storia dell’Intercontinentale. Ai rigori? Proprio ai rigori? Quando ai supplementari tutto sembra scritto in quella direzione, il colpo da biliardo proprio di Evani su punizione al 119′ porta il Milan in vetta al pianeta. Adriano Galliani esulta entrando in campo e dedicando la Coppa al presidente Berlusconi, Baresi e Tassotti alzano al cielo rispettivamente l’Intercontinentale e la Toyota Cup, lo stesso Silvio Berlusconi dedica la sua lettera notturna a “tutti noi che abbiamo avuto questa avventura di intrecciare la nostra vita a un sogno che si chiama Milan”.

IL TABELLINO

MILAN-MEDELLIN 1-0 (d.t.s.)

MILAN: G. Galli, Tassotti, P. Maldini, Fuser (20’st Evani), Costacurta, Baresi, Donadoni, Rijkaard, Van Basten, Ancelotti, Massaro (24’st Simone). All.: Sacchi.
MEDELLIN: Higuita, Escobar, Gomez, Herrera, Cassiani, Pérez, Arango (1’st Restrepo), Alvarez, Arboleda (1’st Usuriaga), Garcia, Tréllez. All.: Maturana.

Arbitro: Fredriksson.
Gol: 14’sts Evani (M).

Fonte: acmilan.com

INTANTO, OGGI HA PARLATO ANCHE JOSE’ MAURI: CONTINUA A LEGGERE >>>

+++A DICEMBRE due gare del MILAN in diretta su DAZN. Guardale gratis! CLICCA QUI+++

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy