VALOTI-ALBERTAZZI: EX ALLA ROVESCIA

VALOTI-ALBERTAZZI: EX ALLA ROVESCIA

Commenta per primo!

Michelangelo Albertazzi (Fonte foto: www.tuttosport.com)
Michelangelo Albertazzi (Fonte foto: www.tuttosport.com)
Mattia Valoti e Michelangelo Albertazzi, due giovani dal destino incrociato si ritrovano opposti nella prossima sfida di campionato. Entrambi cresciuti nel settore giovanile rossonero, l’uno talento cristallino ma esposto ad infortuni di varia natura, l’altro trovatosi quasi per caso alla corte di Inzaghi.Mattia Valoti, trequartista dalle indiscusse qualità tecniche, ha trascorso gran parte della propria carriera da professionista nell’Albinoleffe dove ha disputato 28 partite realizzando anche 7 reti. Venduto dal Milan lo scorso anno all’Albinoleffe ,per la modica cifra di 800 mila€, è attualmente in prestito al Verona dove però non riesce a ritagliarsi uno spazio adeguato a mostrare le proprie qualità.  Nato trequartista ma spesso usato come interno e come regista, potrebbe essere considerato un jolly data la sua duttilità tattica non indifferente. Tecnicamente sopraffino, presenta una buona capacità nel dribbling e una discreta vena realizzativa. Ha forse l’ultima possibilità di entrare nel calcio che conta con l’opportunità a Verona.Analogo cammino quello di Albertazzi che, partito dal settore giovanile del Milan, è giunto in comproprietà al Verona salvo poi tornare, quasi per caso, a Milano. Le sue esperienze con il Getafe e con il Varese non sono state positive e le 27 presenze con il Verona stesso, non hanno convinto la società veneta a riscattarne il cartellino, anche a causa di richieste economiche ritenute eccessive.Ecco allora il ritorno al Milan e l’opportunità di dimostrare il proprio valore in un contesto prestigioso, ma non è semplice anche causa della moltitudine di giocatori presenti nel reparto difensivo rossonero. Mancino naturale, Albertazzi può giocare sia come terzino sia come difensore centrale, ma non ha mai convinto in nessuno dei due ruoli e per lui, al Milan, non sembra esserci spazio.Albertazzi e Valoti, due storie con lo stesso punto di partenza, ambientate tra Verona e Milano, ma entrambe con un finale, almeno per ora, triste. Nessuno dei sembra aver trovato la propria “casa” e chissà quali saranno le prossime tappe del loro percorso. Il destino, si sa, è tanto imprevedibile quanto balordo così è facile passare da promesse del futuro a gregari senza spazio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy