SASSUOLO – MILAN, DOPO LA ROMA SI SPERA IN ALTRI 3 PUNTI

SASSUOLO – MILAN, DOPO LA ROMA SI SPERA IN ALTRI 3 PUNTI

CHIARAOggi, 57 anni fa.  14 Maggio 1958 Milan batteva a San Siro con la doppietta di Schiaffino e le reti prima di Liedholm e poi di Danova il Manchester United, qualificandosi per la semifinale di coppa dei Campioni di Bruxelles in cui sfidò il Real Madrid, reduce dalla tragedia di Monaco di Baviera del 6 febbraio dello stesso anno. Solo 4 anni fa, invece, il 14 Maggio del 2011 il Milan batté il Caglari 4-1 aggiudicandosi il titolo di Campione d’Italia.Altri tempi. Ad oggi il club deve fare i conti con diverse faccende alcune che c’entrano poco con il campo. Tralasciando il futuro incerto di Mister Pippo e il cambiamento di rotta societario, a preoccupare in questi giorni è soprattutto il complicato recupero dall’infortunio di Luca Antonelli: il terzino rossonero, infatti, si è allenato anche oggi a parte in palestra e quindi difficilmente sarà a disposizione per la trentaseiesima giornata di Campionato contro il Sassuolo. Out anche De Sciglio a causa di una distorsione alla caviglia destra subita due giorni fa in allenamento; non è escluso che il giocatore torni in campo nelle ultime due partite di campionato, tutto dipenderà dai prossimi accertamenti. El Shaarawy, invece, fuori da circa 4 mesi per via della frattura al metatarso del piede destro, potrebbe scendere in campo domenica allo Stadium di Reggio Emilia, contro il Sassuolo: se dovesse giocare l’attaccante festeggerà la sua centesima presenza in maglia rossonera.Tra le due squadre c’è un solo precedente ufficiale,  l’anno scorso: l’andata  a Reggio Emilia che terminò con la vittoria del Sassuolo per 4 a 3 sui rossoneri. Da allora,nel Campionato a girone unico le due squadre non si sono mai incrociate. I due team, tuttavia, si sono trovati di fronte nelle ultime due estati, nel trofeo amichevole organizzato dalla Tim. La prima volta nella stagione 2013/2014 il risultato finale fu in favore degli emiliani che vinsero 2 a 1 con una doppietta di Masucci, mentre per i rossoneri fu Petegna ad andare a segno; l’altra nella stagione 2014/2015, quando a decidere l’incontro furono Menez ed El Sharawi: secco il 2 a 0 sui neroverdi diretti da mister Di Francesco.Inzaghi dovrebbe comunque schierare il solito 4-3-3, con Diego Lopez tra i due pali; Abate, Mexes, Paletta, Antonelli in difesa; Poli, De Jong, Van Ginkel a centrocampo; Honda, Destro, Bonaventura in attacco.Chiara De Luca

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy