POLITICA E MILAN, BERLUSCONI E IL COLPO DI SCENA CHE NON TI ASPETTI

POLITICA E MILAN, BERLUSCONI E IL COLPO DI SCENA CHE NON TI ASPETTI

Silvio Berlusconi (fonte foto: www.maidirecalcio.com)
Silvio Berlusconi (fonte foto: www.maidirecalcio.com)
Quando si parla di Berlusconi, nel bene o nel male, si fa sempre notizia. Voci di cessione del Milan, voci di quote vendute di qua e di là, di super cordate di imprenditori cinesi, thailandesi, americani e chi più ne ha più ne metta.Tante parole, pochi riscontri, un Milan che per ora resta nelle mani del Cavaliere, o forse ex Cavaliere, non si è capito bene se lo sia o non lo sia più, fatto sta che dichiarazioni di circostanza o il silenzio della figlia Ad, sembrano far protendere per una calma finta prima di una tempesta bella e buona.Notizie di corridoio danno molto forte la possibilità che i suoi fedelissimi vorrebbero Berlusconi sindaco di Milano. Idea forse bizzarra, ma non troppo. Fantapolitica? No, ormai ci si può aspettare di tutto. La politica è lo specchio di un Paese particolare, l’Italia, che cerca pian piano di ripartire. E la particolarità è che la politica stia diventando come il calciomercato: oggi si dice tutto e il contratto di tutto, tutti hanno ragione, tutti torto. Se fosse vera la notizia di un ritorno in campo pesante del patron rossonero in politica ripartendo dalla base, cioè da una Milano stordita da un Expo che come un treno in corsa sta per arrivare, di nuovo la politica si potrebbe intrecciare con il calcio. Perchè come altre volte, Berlusconi potrebbe riportare entusiasmo, voglia di tornare il Milan, quello degli elicotteri a Milanello e dei grandi acquisti. E usare il Milan come veicolo politico, non solo di voti ma anche di visibilità e credibilità.E con questo, l’idea di una cessione della società, almeno nel breve periodo potrebbe essere messa da parte. Ed è qui che uno dei più classici colpi di scena verrebbe alla luce. In questo scenario, non ci sarebbero spazi per i cinesi, i thailandesi, gli americani, i marziani. Il Milan rimarrebbe roba italiana, roba milanese, berlusconiana. Siamo troppo lontani dalla realtà? 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy