PALERMO-MILAN: UNA VITTORIA PER GRE-NO-LI

PALERMO-MILAN: UNA VITTORIA PER GRE-NO-LI

(Fonte foto: pianetamilan.it)
(Fonte foto: pianetamilan.it)
Dopo la sosta per la Nazionale, il Milan scenderà in campo il 4 aprile al Barbera contro il Palermo. Fino ad ora le partite giocate in serie A tra le due squadre sono state 53 con 31 vittorie per il Milan, 10 pareggi e 12 vittorie per il Palermo, mentre i gol realizzati dal Milan sono stato 92, e quelli incassati 40. L’emergenza infortuni sembra essere finalmente finita, infatti, recuperati già da due settimane Abate, Alex e Albertazzi, sabato il tecnico rossonero potrà di nuovo contare su Zapata e De Sciglio, che hanno ripreso gli allenamenti di gruppo. Inzaghi probabilmente schiererà un 433 ma non si esclude anche un 442,questo dipende chi deciderà di far scendere in campo tra Honda e Cerci.Vincere conto il Palermo significherebbe tanto per la squadra. Significherebbe dare un senso logico alle ultime partite che sono state finalmente giocate in modo rispettabile. Significherebbe che l’Europa non è poi così lontana e significherebbe avere ancora la possibilità di chiudere la stagione degnamente. Ma soprattutto significherebbe far rivivere il Milan di una volta, quello che nel lontano 1951 diede al Palermo la peggiore sconfitta della sua storia.Era il 18 febbraio 1951, la partita si era chiusa sul 9 a 0 per i rossoneri. Era il Milan dei 3 svedesi, del famoso trio passato alla storia con il nome GRE-NO-LI datogli da un giornalista che aveva difficoltà a pronunciare e scrivere i loro nomi e scelse allora di abbreviarli. Grunar Gren era la mente della squadra, Gunar Nordahl centroavanti puro, tuttora il miglior marcatore della storia del Milan con 221 gol e Nils Liedholm era il polmone della squadra. Grazie al GRE-NO-LI il Milan passò da anni di centro classifica al trionfo, tornando a vincere il titolo di campione d’Italia dopo ben 44 anni, laureandosi campione d’Italia con 60 punti in 38 giornate, un punto in più rispetto all’Inter ferma a 59.Ma è passato molto tempo da allora, e da questa partita non ci si aspetta di certo lo stesso colpo di scena, tuttavia una vittoria non dispiacerebbe affatto dal momento che il Milan non vince due partite consecutivamente da inizio ottobre : contro il Chievo la sfida era finita 2 a 0, mentre contro il Verona 3 a 1. Anche allora tra le due partite c’era stata la sosta per la nazionale, sarà una coincidenza?Chiara De Luca

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy