MONTELLA: “INZAGHI E’ GENIALE, HONDA UN BEL PROBLEMINO. E MENEZ…”

MONTELLA: “INZAGHI E’ GENIALE, HONDA UN BEL PROBLEMINO. E MENEZ…”

Vincenzo Montella (Fonte foto: www.stopandgoal.com)
Vincenzo Montella (Fonte foto: www.stopandgoal.com)
Lunga intervista quest’oggi de La Gazzetta dello Sport a Vincenzo Montella, tecnico della Fiorentina che domani affronterà il Milan a San Siro (ore 20.45). Tai i tanti temi affrontati, l’ex giallorosso ha parlato di Pippo Inzaghi e della sua squadra: “Mamma mia come è invecchiato Inzaghi negli ultimi mesi. Il mestiere di allenatore logora-esordisce Montella-. Chi era più forte come centravanti? Via, non scherziamo. Ancora oggi non riesco a spiegarmi come facesse a segnare tanti gol. Se scomponi il centravanti Inzaghi trovi ben poco di interessante. Non aveva dribbling, non aveva tiro da fuori. Era più scarso rispetto a tanti bomber che hanno avuto la metà del suo successo. Però lui nel suo lavoro ci ha messo tenacia, convinzione, rabbia. La grinta ha pagato più del talento. E con le stesse armi diventerà anche un grande allenatore”.Sul fallimento di Clarence Seedorf e l’avvio promettente di Inzaghi, il tecnico viola spiega: “Perché Pippo è arrivato al momento giusto. E comunque ha già avuto qualche idea geniale. Ad esempio, la posizione giusta per Honda. E ora il giapponese è un bel problemino” e su Menez aggiunge: “Ci ho giocato insieme e l’ho anche allenato. Il francese ha la qualità per spaccare l’equilibrio. Non mi ero lasciato bene con lui ai tempi della Roma. Ma ci eravamo chiariti”.Infine una riflessione sulla lotta per il terzo posto: “Milan favorito? No. E’ una delle favorite. Ma ci sono Inter, Napoli, Lazio, Fiorentina. E anche la Samp”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy