Milan-Sampdoria: ecco le cinque considerazioni sul match

Milan-Sampdoria: ecco le cinque considerazioni sul match

Come di consueto, il sito del Milan ha analizzato il match di ieri tra la squadra rossonera e la quella di Giampaolo: ecco le cinque considerazioni

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

1- L’AZIONE DEL GOL
C’è tutto il Milan di questo periodo. I tocchi e le giocate di qualità (cambio gioco di Calhanoglu e stop al volo di Suso), la sovrapposizione sulla fascia (di Calabria), la linearità del passaggio (di Suso verso Calabria), il cross guardando l’area (sempre di Calabria) e l’inserimento box to box, di Bonaventura. Una azione così completa conferma che stanno tutti bene, sia l’ispirazione dei singoli che l’organizzazione del collettivo.

2- L’EFFETTO TRAINO
Come sempre accade in questi casi, arrivano i nostri anche dalla panchina. Come hanno confermato la gara utilissima di Montolivo e l’ottimo ingresso nel finale di André Silva. Se l’allenatore stimola sempre tutti e se la squadra funziona con buon senso, anche chi ha giocato meno rispetto all’undici di riferimento, dopo un primo momento di comprensibile disorientamento, poi si mette a disposizione con le motivazioni giuste.

3- MA DI CHI È IL MERITO?
Secondo Rino Gattuso, il merito è della squadra. Secondo i giocatori, il merito è dell’allenatore. Quando le cose vanno bene in campo, il circolo è virtuoso. Ma anche la dimostrazione di una simbiosi, di una condivisione. Il Milan non ha ancora fatto niente, ma quello che gli accadrà da qui alla fine della stagione se lo giocherà da squadra vera. Se sarà una consolazione o un risultato lo vedremo, ma intanto resta davanti agli occhi un miglioramento che, a questo punto, è merito di tutti.

4- CI SIAMO ANCHE NOI
Erano quasi 47mila i tifosi rossoneri presenti ieri a San Siro. Erano 40mila prima dell’appello della vigilia, da Milanello, del tecnico rossonero. Allo stadio, il pubblico ha partecipato, ha spinto, ha soprattutto applaudito. Molte giocate, non solo le occasioni. E in tutte le sostituzioni ci sono stati applausi sia per chi usciva dal campo, ma anche per chi entrava.

5- È SEMPRE TOUR DE FORCE
28 gennaio 2018, è la data dell’inizio del tour de force rossonero, delle gare senza appello in programma ogni tre giorni su ben tre fronti. Il successo sulla Samp ha dimostrato che il Milan ha superato bene il filotto del doppio confronto con la Lazio e delle tre gare consecutive in trasferta. Ma, adesso, il calendario si inerpica ulteriormente: dopo il Ludogorets, arrivano Roma, ancora Lazio e Inter. Vietato distrarsi.

fonte:acmilan.com

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Milan, quanti tiri in porta nel 2018: meglio solo Tottenham e Real

Bonaventura, una mezzala perfetta per Gattuso

Milan, i numeri della rimonta. Ora l’Inter trema

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy