MILAN, EL SHAARAWY APRE ALLA CESSIONE. LA SITUAZIONE

MILAN, EL SHAARAWY APRE ALLA CESSIONE. LA SITUAZIONE

Commenta per primo!

Stephan El Shaarawy
Stephan El Shaarawy, attaccante rossonero (Fonte: www.calcionewstime.com)
L’estate del Milan dovrebbe essere abbastanza movimentata sotto il profilo mercato, ma da ieri un altro giocatore che sembrava essere certo della permanenza in rossonero sembra non esserlo più. Stiamo parlando di Stephan El Shaarawy, il Faraone, tornato finalmente in campo ieri nel finale di partita al Mapei Stadium dopo tre mesi per un infortunio patito al piede nella sfida con la Lazio.Arrivato al Milan nell’estate 2011, dopo un’iniziale comproprietà col Genoa il Faraone viene riscattato dai rossoneri l’anno successivo, che corrisponde al miglior momento della sua carriera. Da inizio stagione a metà gennaio El Shaarawy esplode letteralmente, segna 15 gol in campionato e fa sognare San Siro. Dopodichè, forse in concomitanza con l’acquisto di Mario Balotelli, l’attaccante italo-egiziano è costretto a cambiare il suo stile di gioco e forse anche in termini di personalità subisce il confronto con Balotelli e non riesce a confermarsi.L’anno successivo dopo un inizio di stagione promettente dove realizza un gol importantissimo a Eindhoven nel preliminare di Champions League, El Shaarawy si infortuna e salta quasi tutta la stagione. Purtroppo salvo qualche sporadico spunto in campo che ogni tanto ricorda ai tifosi rossoneri quei fantastici tre mesi del 2012, vedi azione del gol con la Lazio quest’anno nella prima prima di campionato oppure la bellissima rete contro la Samp a Genova, la sua carriera finora è stata maggiormente costellata dagli infortuni che dalle reti e anche lui, che da sempre ha ribadito fermamente la volontà di rimanere a Milanello, inizia a nutrire qualche dubbio.Intervistato ieri da Sky sull’argomento il Faraone questa volta è sembrato leggermente titubante, il suo “vedremo” non è certo passato inosservato ai tifosi rossoneri, dei quali è da sempre uno dei preferiti. E allora normale interrogarsi sui motivi di questo ipotetico cambio di direzione, magari i rapporti con l’allenatore o la società non sono più gli stessi, magari sentirsi messo sul mercato dalla stessa società in qualche sessione del mercato recente lo ha infastidito. Di sicuro c’è che anche se il rientro gli dona la felicità di poter finalmente dimostrare le sue qualità a quanti non se le ricordassero, dall’altra parte Elsha si segnala per uno scatto di nervosismo che a lui non appartiene in campo, quando apostrofa con vari epiteti il direttore di gara per una decisione dubbia.Segnali, che potrebbero aprire scenari nuovi per il Faraone, l’estate del mercato rossonero si arricchisce di un ulteriore capitolo che i tifosi potranno leggere sotto l’ombrellone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy