MILAN ECONOMY – HINES: “NUOVO STADIO MILAN A SCALO FARINI? NO COMMENT”, PERO’…

MILAN ECONOMY – HINES: “NUOVO STADIO MILAN A SCALO FARINI? NO COMMENT”, PERO’…

Barbara Berlusconi (fonte foto: www.corrieredellosport.it)
Barbara Berlusconi (fonte foto: www.corrieredellosport.it)

Come da queste pagine abbiamo spesso sottolineato, il Milan 2.0 deve ripartire da una gestione manageriale della società, con business plans e strategie commerciali ben definite, sul medio e lungo periodo, che portino il club a competere di nuovo ai massimi livelli in campo nazionale ed internazionale.

Se, infatti, non è un mistero che la spending review abbia notevolmente colpito le casse del sodalizio rossonero, è pure chiaro che l’unica via d’uscita sia aumentare i ricavi tramite idee di marketing e di crescita sostenibile ed auto-alimentata. Una delle più importanti è sicuramente la costruzione di un nuovo impianto sportivo di proprietà: al centro del progetto ci sarà il nuovo stadio, un complesso all’inglese in grado di ospitare circa 50.000 persone, circondato da alcune strutture ed infrastrutture accessorie, quali ristoranti, centri commerciali, musei tematici e così via.

Inizialmente sembrava che questo nuovo polo potesse sorgere su di un lotto dell’attuale area Expo. Però questa via non sembra essere percorribile, così Barbara Berlusconi da un lato sta allacciando rapporti commerciali con numerosi sponsor di livello mondiale, dall’altro sembra aver ipotizzato di stringere un’alleanza con la branch italiana di Hines, colosso americano del Real Estate.

Hines Italia SGR è guidata in Italia da Manfredi Catella e rappresenta un gestore indipendente, leader nella gestione patrimoniale di fondi di investimento immobiliari per conto di investitori istituzionali italiani e internazionali, gestisce attualmente 12 fondi di investimento immobiliari, con oltre 3 miliardi di euro di investimenti a regime. Hines a livello mondiale è uno tra i principali gestori mondiali di fondi immobiliari istituzionali con un patrimonio in gestione superiore a 30 miliardi di euro. E’ presente in Europa, Stati Uniti, America Latina, Asia e Medio Oriente con oltre 100 sedi operative, avendo sviluppato oltre 884 progetti. In Italia il gruppo è attivo dal 1999 attraverso Hines Italia, creata insieme alla famiglia Catella, già protagonista nel settore immobiliare dagli anni ’70.

Il costo di un’operazione immobiliare come quella descritta potrebbe aggirarsi complessivamente attorno ai 500 / 600 milioni di e, esborso che Fininvest, la holding del gruppo facente riferimento alla famiglia Berlusconi, non sembra disposta a sostenere da sola. Hines potrebbe garantire un importante know-how e può vantare una presenza forte a Milano, dove ha recentemente sviluppato il complesso Porta Nuova, ora sede di Unicredit. Nel frattempo, però, sembra aver posto alcune condizioni particolarmente stringenti, che Barbara Berlusconi starebbe valutando in queste ore.

Sembra che l’area individuata come possibile sede per la nuova arena milanista possa essere quella dello Scalo Farini, a due passi da Porta Garibaldi: circa 60 ettari di proprietà delle Ferrovie dello Stato, già ottimamente collegata alla città da infrastrutture che, nel caso dell’area Expo, avrebbero dovuto essere realizzate ex-novo, costituendo così un’ulteriore voce di spesa e facendo lievitare il costo complessivo dell’operazione.

Per Pianeta Milan abbiamo contattato Hines Italia che, però, preferisce non commentare le voci circolanti, né in un senso né nell’altro. E’ un segnale che ci pare di poter interpretare come vagamente positivo; si attende l’ufficialità.

Andrea Bricchi

(Twitter: @andreabricchi77)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy