MILAN, CHE DISASTRO: KO E CROLLO IN CLASSIFICA

MILAN, CHE DISASTRO: KO E CROLLO IN CLASSIFICA

Logo Milan - fonte www.tuttomercatoweb.com
Logo Milan – fonte www.tuttomercatoweb.com
Nella stessa giornata in cui termina l’imbattibilità di Diego Lopez che durava da 280 minuti il Milan perde la prima partita dopo la sosta dopo 17 anni dall’ultima volta. Il crollo del Milan contro il Sassuolo non è solo nel risultato, i neroverdi hanno dato l’impressione di avere idee di gioco molto più chiare dei rossoneri, lenti nella manovra e mai capaci di essere veramente pericolosi, nonostante lo svantaggio. Le ultime prestazioni con Napoli, Roma e Real Madrid facevano pensare a tutto un altro Milan ed il goal iniziale di Poli sembrava aver aperto la strada ad una facile vittoria mentre poco dopo è arrivato il pareggio di Sansone, e poi ancora Sassuolo, padrone del campo fino a quando trova il goal del vantaggio con Zaza. La mancanza di continuità è preoccupante, ed è difficile pensare di raggiungere un obiettivo importante come quello del terzo posto con questi risultati. Ora i rossoneri si ritrovano fermi a 25 punti, gli stessi del Palermo che ha dalla sua lo scontro diretto di San Siro vinto 2-0, a più due proprio dal Sassuolo e a meno 5 da Lazio e Napoli terze in classifica. Con una vittoria si poteva raggiungere il quinto posto, superando le genovesi ed approfittando della sconfitta della Sampdoria e del pareggio casalingo del Genoa e aumentare il distacco da Inter e Fiorentina. Cerci come detto anche da Inzaghi non può essere considerato come il salvatore della patria ed è inevitabile che si inizi a pensare a qualche altro rinforzo. La diciassettesima giornata di campionato vede il diavolo costretto a leccarsi le ferite, un KO che fa male e che fa anche riflettere, domenica la difficile trasferta contro il Torino di Ventura, fa più paura ma soprattutto a spaventare i tifosi rossoneri è la possibilità di perdere ancora il treno per l’Europa.Ivan Tantalo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy