LUIZ ADRIANO: “VOGLIO SCRIVERE LA STORIA DEL MILAN. IBRA? MAGARI”

LUIZ ADRIANO: “VOGLIO SCRIVERE LA STORIA DEL MILAN. IBRA? MAGARI”

L'esultanza di Luiz Adriano, fonte foto Profilo Instagram Luiz Adriano
L’esultanza di Luiz Adriano, fonte foto Profilo Instagram Luiz Adriano
L’attaccante del Milan, Luiz Adriano a globoesporte.com ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:Il Milan inizia subito con la Fiorentina, cosa ci si aspetta dall’inizio del campionato?“Tanto perchè rappresento un club come il Milan, con indosso questi colori. Vogliamo vincere subito, già con i viola. Stiamo facendo un lavoro molto buono e importante”.Prima di accettare la proposta del Milan, hai detto che hai ascoltato i consigli di Pato e del tuo ex allenatore allo Shakhtar, Lucescu. Che consigli ti hanno dato?“Pato mi ha detto cose bellissime del Milan e che potrò adattarmi subito, perché il personale del club è molto affezionato ai brasiliani e questo è importante per me. Lucescu ha detto lo stesso e ha spiegato perchè sarebbe un bene per un attaccante come me giocare nel Campionato Italiano”.Qui in Italia avrai a che fare con alcuni dei migliori difensori d’Europa. E ‘un campionato difficile per gli attaccanti, pensi che dovrai adattare tuo stile di gioco?“E’ sempre bello giocare contro i migliori difensori, devo adattarmi come tutti gli altri brasiliani che vengono qui perché è un campionato diverso. Ma non sto avendo difficoltà”.Hai già notato differenze con l’Ucraina?“Lì giocavo come unica punta, ora giocheremo con due punte, io e Bacca. Questa è la grande differenza perché mi sto adattando a questo stile di gioco usando in più anche le fasce”.Tu e Bacca siete due attaccanti con caratteristiche simili, non rischiate di pestarvi i piedi?“No, fino ad ora abbiamo giocato benissimo insieme e socializziamo molto durante gli allenamenti. Abbiamo tutto per essere una bella coppia”.E Ibra? Qualora venisse potrebbe cambiare tutto. Hai paura di perdere il tuo spazio?“Ibra è un grande giocatore. Credo, se dovesse arrivare, che ci aiuterà molto, la storia che ha nel mondo del calcio parla per lui. Sarebbe un grande acquisto per il Milan. No n credo di perdere spazio ma lavorando tutti avranno le proprie possibiità”.Solitamente a 28 anni si è già in campionato top in Europa da un po’. Molti si chiedono: perchè non sei arrivato prima?“Guarda, il mio viaggio è iniziato molto presto con l’Internacional. Proprio in quel momento ho avuto un’offerta dall’Ucraina, ho deciso di accettare la sfida di giocare lì, un campionato e un posto che nessuno conosceva in Brasile. Sono riuscito a fare una grande storia all’interno del club grazie anche ai miei compagni e a Mister Lucescu, al quale devo molto. Anche lui mi ha insegnato molto nel corso degli anni e devo ringraziarlo se oggi sono qui al Milan. Voglio scrivere la mia storia in questo club, vincendo le partite, segnando gol e vincendo trofei”La trattativa per lasciare lo Shakhtar è stata strana, sei stato annunciato prima all’Al-Ahli, poi invece hai firmato per il Milan. Che cosa è successo?“Ero in vacanza in Brasile e ho ricevuto la notizia che ero stato venduto al club di Dubai. Sono rimasto sorpreso perché nessuno mi aveva detto niente al riguardo, ma ho parlato con il mio manager e lui ha risolto, perché non era il mio obiettivo. Poca considerata la mia volontà dallo Shakhtar? Sicuramente, loro hanno solo pensato a chiudere l’affare, hanno dato più importanza all’aspetto finanziario e non alla mia storia all’interno del club e a quello che avevo fatto per lo Shakhtar”.La trattativa con il Milan è stata difficile?Si, il problema era legato al mio valore, perchè inizialmente non avevano accettato l’offerta del Milan che aveva offerto una cifra minore perchè mi mancavano solo sei mesi al termine del mio contratto. Ma poi è andato tutto a posto”.Il Milan per quest’anno vuole la qualificazione in Champions, ma lo scudetto?“Il nostro obiettivo è quello di vincere il campionato già da quest’anno, non solo pensare di entrare in Champions League. Il nostro obiettivo finale è quello di vincere tutte le competizioni a cuipartecipiamo: il campionato e la Coppa Italia”.I rivali?“La Juventus ha una bella squadra. L’Inter anche, la Roma sta costruendo una squadra forte. Quest’anno il campionato italiano sarà di alto livello e non ha una squadra vincitrice già stabilita”.Qual è il tuo idolo del Milan?“Shevchenko, perché ha vinto molti titoli, ha vinto la Champions League. La storia che ha fatto nel Milan è molto bella”.Hai preparato un’ esultanza speciale per la partita con la Fiorentina?“Non so, vediamo, non ho nulla preparato. Se segnerò, voglio festeggiare con i miei compagni di squadra perché sarà una partita molto difficile. Chiamerò tutti a festeggiare insieme. Sono abbastanza timido, ma il sorriso è sempre sul mio volto”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy