KAKÀ E IL RITORNO ALL’ISOLA CHE NON C’È

KAKÀ E IL RITORNO ALL’ISOLA CHE NON C’È

Commenta per primo!

Fonte: mondopallone.it
Fonte: mondopallone.it
Il ritorno a casa di Kakà sembra il remake di un film del 1991, “Hook – Capitan Uncino”. Ve lo ricordate? Peter Pan, ormai adulto, è un avvocato di successo, che da anni ha abbandonato “l’isola che non c’è”, e del suo passato non ricorda nulla. Il suo più grande nemico, rapendo i suoi figli, riesce a farlo tornare lì, dove è cresciuto. Ma Peter non ricorda niente, non si ritrova, non riconosce casa sua. Solamente dopo l’aiuto della vecchia amica Trilly, di un allenamento ben preciso che i suoi Bimbi Sperduti studiano per lui e il ritrovamento della vecchia casa in cui conservava i ricordi più belli, ritrova quei pensieri felici che lo fanno tornare a volare e ad essere temuto da tutti i pirati. Ecco, l’inizio difficile del 22 rossonero non deve trarre in inganno. Anche Ricky necessita di tempo. Anche perchè alcune cose sono cambiate: il suo amico Andrea “Trilly Campanellino” Pirlo è passato ai pirati, per esempio. Però con il sostegno dei “Tifosi Sperduti”, tornati a casa solo per il suo ritorno, e con il rinfrescarsi dei vecchi ricordi, come quella gara del 2007 a San Siro con il Celtic che venne tramortito da uno dei suoi gol più belli, ecco che Kakà potrà ritrovare veramente quei pensieri felici che gli permetteranno di tornare a volare. Basta cercare bene, ‘l’Isola che non c’è’ esiste ancora…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy