JANKULOVSKI A MC: “CHE BELLO TORNARE, DIFFICILE GIUDICARE INZAGHI. PER LA FASCIA MILAN A POSTO PER ANNI”

JANKULOVSKI A MC: “CHE BELLO TORNARE, DIFFICILE GIUDICARE INZAGHI. PER LA FASCIA MILAN A POSTO PER ANNI”

jankulosvki con la nuova maglia del Milan fonte foto acmilan.com
jankulosvki con la nuova maglia del Milan fonte foto acmilan.com
Marek Jankulovski, ex giocatore del Milan, ha fatto visita quest’oggi a Milanello. Nel corso del suo passaggio nel centro sportivo rossonero, ha rilasciato anche alcune dichiarazioni ai microfoni di Milan Channel, come riporta acmilan.com: “E’ sempre bello tornare qui, soprattutto quando un giocatore smette e torna nel suo Paese, nel mio caso in Repubblica Ceca. Quando vengo a Milano la prima tappa è sempre Milanello, dove ho vissuto sei anni indimenticabili. Oggi c’e’ Pippo, Igna, Abbiati, Bonera, giocatori che io ho incontrato, ma mi fa piacere salutare tutti dallo staff, ai massaggiatori, ai cuochi, sono stato qui sei anni, non sono pochi e mi sono trovato sempre bene”. Sulla sua vta: “Non ho trovato ancora un lavoro preciso che mi piacerebbe fare, sono ambasciatore di una Fondazione e porto alcuni bambini della Repubblica Ceca a vedere la partita domenica, mi fa piacere fare questo perché per dei bambini e ragazzi venire a Milano e assistere a Milan-Sampdoria, per loro che non hanno molta fortuna nella vita, è una cosa bellissima e rimarrà un bellissimo ricordo. In Repubblica Ceca ci sono sempre tanti tifosi che seguono il Milan”.Su Milan-Sampdoria: “Mi ricordo il Milan-Sampdoria della stagione 2005/2006 ho fatto un cross dalla trequarti per il colpo di testa di Ambrosini che ha deciso la partita, non mi ricordavo di preciso che fosse anche un cross vincente. Con la Sampdoria è sempre una partita difficile, bisogna dire che il Milan in queste ultime partite deve fare punti per raggiungere questo obiettivo che adesso tutti hanno di raggiungere l’Europa League, è una partita difficile, la Samp è una squadra tosta, ma adesso tutte le partite sono difficili, anche se il Milan gioca in casa e cercherà di vincere come col Palermo. Su Inzaghi: “Mi aspettavo che Pippo diventasse allenatore, perché sanno tutti che è pazzo di calcio e pensavo che smesso di giocare sarebbe andato subito su questa squadra. Giudicarlo come allenatore è difficile perché io non lo seguo, però so che dà il 100% al calcio e spero che questa strada per lui sia lunghissima e con grandissimi successi”.Sulla “sua” fascia sinistra:Ogni giocatore che arriva al Milan è un buon giocatore perché la società sceglie sempre bene. De Sciglio e Antonelli hanno un grande futuro anche per la Nazionale e penso che il Milan su quella fascia è a posto per tantissimi anni”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy