INZAGHI A SKY: “NON MI DIMETTO, MA IMPOSSIBILE CONTINUARE COSI’. FUTURO? NON DECIDO IO”

INZAGHI A SKY: “NON MI DIMETTO, MA IMPOSSIBILE CONTINUARE COSI’. FUTURO? NON DECIDO IO”

Filippo Inzaghi, allenatore Milan
Filippo Inzaghi (fonte foto: www.giornalettismo.com)
E’ un Filippo Inzaghi in grande difficoltà quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport per commentare la pessima prestazione del Milan contro la Lazio: “Abbiamo fatto una brutta partita, ma i ragazzi hanno dato tutto quello che avevano, non ci siamo tirati indietro. La squadra da tutto quello che ha, ma non basta. Abbiamo sofferto la pressione della Lazio, abbiamo fatto fatica. In questi momenti possiamo solo lavorare e andare avanti”.Inzaghi e Berlusconi: “Io penso che questa squadra può tornare a fare meglio, non ho nessuna differenza con il presidente. Sono 3/4 partite che non facciamo risultato, io ho questa squadra e sono contento, dobbiamo tornare a fare risultati”Il rapporto con la squadra: “La squadra da tutti e mi segue, se non fosse così mi dimetterei. Adesso dobbiamo solo pensare alla Coppa Italia, possiamo andare in semifinale, dobbiamo riprenderci subito”Mexes: “Non è stato un bel gesto ha chiesto scusa subito, ha subito qualche provocazione, ma non ha fatto un bel gesto”La crisi: “In questi momenti è facile pensare di cambiare tutto, ma non è così, dobbiamo essere bravi a cambiare qualcosa. Adesso dobbiamo pensare a martedì, una partita decisiva. Paghiamo anche il fatto che abbiamo giocatori che arrivano da infortuni lunghi, ma non ci sono scuse, dobbiamo fare meglio”.Il possibile esonero: “Non dovete chiedere a me cosa succederà, io vado avanti con il mio lavoro. Sapevo che non sarebbe stato facile visto che sono stati ambiati due allenatori. Abbiamo illuso tutti con un 3/4 mesi molto positivi, sarebbe bello avere orgoglio per ripartire da una sconfitta così e alzare la testa”Come uscire dalla crisi: “Buttare a mare tutto non credo sia giusto, io so che possiamo giocare con vari sistemi di gioco, ho pensato anche che con 2 partite in 3 giorni non potevo mettere tutti gli attaccanti oggi, siamo partiti con 3. Adesso la squadra ha paura quando va in vantaggio, non va bene, dobbiamo toglierci questo vizio. Per fortuna martedì c’è di nuovo la Lazio e possiamo già rifarci”.La posizione di Inzaghi: “Io mi assumo le mie responsabilità, sono l’allenatore di questo gruppo, devo farlo rendere al massimo e questo non sta succendo, fino poco tempo fa ce la giocavamo alla pari con Napoli e Roma, penserò a cosa posso fare da qui a martedì”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy