IN ATTESA DI MILAN-SAMPDORIA, RICORDANDO L’ANNO DELLA STELLA

IN ATTESA DI MILAN-SAMPDORIA, RICORDANDO L’ANNO DELLA STELLA

(Fonte foto: pianetamilan.it)
(Fonte foto: pianetamilan.it)
In casa Milan finalmente si respira un’altra aria, meno amara del solito. Merito sicuramente della primavera, ma anche delle ultime due vittorie consecutive che hanno contribuito a riportare il buon umore tra giocatori e tifosi. Questa nuova atmosfera rende più vigorosa la voglia di riscatto, che potrebbe giungere conquistando la terza vittoria consecutiva in Campionato, cosa che in questa stagione non è ancora accaduta. Certo, Inzaghi dovrà fare i conti con un avversario ostico come la Sampdoria, ma vincere significherebbe avere ancora la speranza di potersi inserire nella corsa all’Europa. Tre punti fondamentali dunque, che fanno gola ad entrambe le squadre, medesime concorrenti per il piazzamento europeo: la squadra di Mihajlovic, infatti, ha la stessa vis animi dei rossoneri, dal momento che punta ad un possibile terzo posto Champions.Domenica sera Inzaghi dovrebbe confermare lo stesso undici visto a Palermo, con un unico dubbio Van Ginkel, a causa di infiammazione al ginocchio. Si sta valutando giorno per giorno la sua condizione, ma in caso di forfait è comunque pronto uno scalpitante Poli. Honda salta, a causa dell’infortunio pre Palermo, mentre un’ultima ora conferma che Montolivo sta recuperando abbastanza bene e proverà ad esserci domenica.Tralasciando le questioni tecniche, la nostra attenzione va oggi ad un anniversario speciale per i rossoneri: l’8 aprile del 1979. Quella domenica, si giocava allo stadio Pian di Massiano (l’attuale Renato Curi) di Perugia, lo scontro diretto era tra il Milan, prima in classifica, e il Perugia, seconda. La partita terminava con un pareggio, 1 a 1: vantaggio del Milan al 15esimo grazie ad un rigore di Chiodi, pareggio immediato di Casarsa, sempre su rigore al 17esimo. Quell’anno il Campionato vide il Perugia arrivare al secondo posto, senza perdere nemmeno una partita: 11 vittorie e 19 pareggi, con 41 punti. Il Milan, invece, si laureò campione d’Italia. Fu un anno importante: fu l’anno della stella, del tanto atteso decimo scudetto. Fu l’anno in cui Gianni Rivera chiuse la sua splendida carriera rossonera, facendo un passaggio di consegna per la fascia del capitano al giovane Franco Baresi. Fu un anno da ricordare.Chiara De Luca

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy