Il Milan e le big: che differenza rispetto all’avvio dell’anno scorso

Il Milan e le big: che differenza rispetto all’avvio dell’anno scorso

Sono bastate le prime due giornate di campionato 2018-19 per marcare le nette differenze del Milan attuale con quello della scorsa annata

di Redazione

La partenza shock della scorsa stagione è ancora ben impressa nella mente dei tifosi rossoneri, illusi da una campagna acquisti faraonica e da un precampionato ricco di risultati ma poi tramortiti da una serie di pesanti rovesci. I quattro gol subiti all’Olimpico dalla Lazio, le sconfitte interne con Roma e Juventus, più nette di quanto dicesse il punteggio, e la bruciante battuta d’arresto nel derby servirono a certificare il precoce fallimento della gestione Montella.

Ma quest’anno la musica sembra ben diversa. Il Milan ammirato a Napoli, seppur inopinatamente sconfitto in rimonta dopo un vantaggio di due reti, e quello vittorioso contro la Roma, con un margine che avrebbe potuto essere ben più ampio dello stretto 2-1 finale, stupisce per l’atteggiamento sfrontato, il possesso palla votato al bel gioco e la maturazione mentale non ancora completata ma ben avviata.

I ragazzi di Gattuso hanno giocato al San Paolo sessanta minuti di grande calcio, con gli uomini di Ancelotti messi in difficoltà sulla loro migliore caratteristica, il palleggio. Il black-out finale ha riportato a galla le solite polemiche sulla cronica mancanza di personalità e l’assenza di uomini di carisma dentro e fuori lo spogliatoio.

Ma la bella vittoria di San Siro contro la temibile Roma, fatta di corsa, palleggio, determinazione e voglia di vincere –  con scelte coraggiose da parte di Gattuso e grande proposizione offensiva da parte dei rossoneri in campo – ha spazzato le nubi all’orizzonte e restituito al popolo rossonero un gruppo che ha messo da parte, speriamo in via definitiva, i timori reverenziali contro le grandi del campionato.

In attesa di ulteriori ed appassionanti scontri con Inter e Juve, il Milan deve mantenere alta la concentrazione contro formazioni apparentemente più deboli ma in grado di insidiare i rossoneri per determinazione e fisicità e arrivare senza alcuna sudditanza psicologica ai prossimi big match.

Di Enrico Maggioni

++ Guarda Gratis per un mese DAZN!! CLICCA QUI ++

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy