GAZZETTA – ROMA-MILAN: ECCO LA CHIAVE TATTICA DELLA GARA

GAZZETTA – ROMA-MILAN: ECCO LA CHIAVE TATTICA DELLA GARA

Pippo Inzaghi saluta la curva rossonera (Fonte: www.gazzetta.it)
Pippo Inzaghi saluta la curva rossonera (Fonte: www.gazzetta.it)
E’ l’essenza primordiale del calcio: giocatori che corrono più velocemente possibile verso la porta e altri che devono farli correre nel modo e nel momento giusto. E’ questo il messaggio dell’edizione odierna della Gazzetta dello Sport, che sottolinea, poi, di come stasera emergerà solamente chi avrà più voglia di correre. Quella tra Roma e Milan sarà una sfida a tutto campo, in ogni reparto.La Roma costruisce il gioco in mezzo con De Rossi regista e Totti suggeritore avanzato, mentre sulla corsia di destra ci saranno Maicon (73% di contrasti vinti) e Ljajic. Per contenerli, Inzaghi sta valutando se schierare dal primo minuto Poli o il più roccioso Muntari. Dall’altra parte, invece, ci saranno Holebas e Gervinho (46% di tiri nello specchio), che sono ottimi velocisti. Spetterà a Bonera, Montolivo ma soprattutto De Jong cercare di arginarli.Il Milan riproporrà l’alberello di Natale, tanto amato in via Aldo Rossi. Dietro Menez ci sarà Honda, la freccia atipica, ondeggiante come detta il cognome: parte, accelera, rallenta, vira. E Bonaventura, trequartista o punta esterna, ma anche primo disturbatore di Maicon e pensiero brutto per Nainggolan o Keita: dimenticarselo – come sottolinea la rosea – è pericoloso. Dunque, La Roma avrà il baricentro più alto, il Milan sarà più corto. Inzaghi farà densità, Garcia cercherà di scioglierla. Ma attenzione anche alle altre due frecce pronte a essere scoccate per entrambi le compagini: El Shaarawy e Iturbe.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy