GAZZETTA – MENEZ, DESTRO E UNA CONVIVENZA DA INVENTARE

GAZZETTA – MENEZ, DESTRO E UNA CONVIVENZA DA INVENTARE

Mattia Destro e Jeremy Menez (fonte foto: www.urbanpost.it)
Mattia Destro e Jeremy Menez (fonte foto: www.urbanpost.it)
Tra i tanti argomenti toccati oggi da “La Gazzetta dello Sport” il ruolo di Jeremy Menez e la sua convivenza con Mattia Destro è quello che ha decisamente più spazio. La “Rosea” dedica un grande studio al giocatore francese, sottolineando come l’ex PSG si trovi a suo agio più sulla trequarti, magari partendo da sinistra, invece che come attaccante puro o anche come seconda punta. Per questo, nel 4-3-1-2 proposto ultimamente da Filippo Inzaghi non si trova ancora completamente a suo agio e spesso il Milan, inconsapevolmente, ha giocato più con un 4-3-2-1, con Menez arretrato sulla stessa linea di Giacomo Bonaventura.In tutto questo a soffrire di più, almeno contro il Cesena, è stato Mattia Destro. L’attaccante ex Roma è il classico uomo d’area e avrebbe bisogno di essere rifornito continuamente di palloni, in profondità e possibilmente sul primo palo, vista la sua grande abilità nel tagliare tempestivamente e bruciare le difese avversarie. Di palloni così però Mattia, sottolinea la Gazzetta, ne ha visti ben pochi, Menez fatica ad arrivare sul fondo e spesso si perde in un dribling di troppo. Tutta colpa del francese dunque? No, anche Destro deve crescere, deve imparare a ricevere palla spalle alla porta e servire i giocatori che si inseriscono e non solo a girarsi.La convivenza tra i due, almeno per ora, appare difficile, ma non impossibile e la sensazione è che il Milan, per decollare abbia bisogno di questa intesa, perchè se ai 12 gol e 3 assist del francese si abbinassero le reti del giovane bomber, per le difese avversarie i problemi sarebbero davvero tanti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy