GAZZETTA – BONGIORNI: “COSI’ HO SCOPERTO BONAVENTURA”

GAZZETTA – BONGIORNI: “COSI’ HO SCOPERTO BONAVENTURA”

Commenta per primo!

Il gol di Jack Bonaventura contro il Napoli (fonte: gazzetta.it)
Il gol di Jack Bonaventura contro il Napoli (fonte: gazzetta.it)
Jack Bonaventura è l’uomo del momento in casa Milan: la prestazione contro il Napoli, condita da gol, è stata la più bella della stagione. Il numero 28, a onor del vero, è stato fino ad ora il più continuo nella rosa rossonera, sbagliando pochissime partite. L’edizione odierna de “la Gazzetta dello Sport” ha intervistato chi ha scoperto Giacomo Bonaventura, Antonio Bongiorni, direttore del Margine Coperta, club in cui è nato Jack: “L’umiltà di Giacomo è spaventosa. Estate 2013, il Margine Coperta vince il titolo italiano con i Giovanissimi, la prima volta nella nostra storia. Jack era in vacanza a Formentera: lasciò per venire a far festa in piazza con noi. Giacomo viveva al convitto di Pescia. La mattina all’istituto industriale e il pomeriggio ad allenarsi. Passavo a prenderlo ogni giorno. Era solo, con la famiglia lontana. Oggi mi telefona quasi tutti i giorno. Ieri gli ho detto: ‘Sono orgoglioso di te'”. Poi un ulteriore tuffo nel passato, quando in pochi credevano nel piccolo Giacomo: “Non era pronto per andare subito a Bergamo. Venne da noi, che siamo una società satellite. Io scelsi di crederci comunque, il torneo a Viareggio confermò l’intuizione. Decisi di trattarlo con il Tolentino: incontro all’uscita dell’autostrada di Val di Chiana e accordo chiuso. In finale regionale con gli Allievi sbagliò un rigore, quanto pianse. In un altro torneo vennero a vederlo Favini, responsabile del settore giovanile dell’Atalanta, e Finardi, allenatore della Primavera. In tre minuti decisero che Jack avrebbe continuato a crescere con loro”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy