GAZZETTA – BERLUSCONI VS SQUINZI: AL CUORE (ROSSONERO) NON SI COMANDA

GAZZETTA – BERLUSCONI VS SQUINZI: AL CUORE (ROSSONERO) NON SI COMANDA

Silvio Berlusconi e Giorgio Squinzi (Fonte: pianetamilan.it)
Silvio Berlusconi e Giorgio Squinzi (Fonte: pianetamilan.it)
Fra poche ore, oggi alle 15, andrà in scena a San Siro la sfida di campionato tra Milan e Sassuolo. Un match che metterà faccia a faccia – come sottolinea la Gazzetta dello Sport odierna – rossoneri e neroverdi, Inzaghi e Di Francesco. Ma non solo. Sarà anche la sfida tra due veri cuori milanisti: Silvio Berlusconi e Giorgio Squinzi. Uno è il patron del Milan, l’altro il presidente della Mapei e del Sassuolo che non ha mai nascosto il suo spudorato amore per i colori rossoneri.Squinzi, lo scorso gennaio, in risposta ad una domanda sulla partita tra la sua squadra e il Milan, rispose tranquillamente: “Milan-Sassuolo? Sarò neutrale”. Ma la società emiliana è ora diventata per lui una questione di cuore, forse non ancora all’altezza del Milan. Basti leggere le sue dichiarazioni per credere: “Comprare giocatori dal Milan? No, non vorrei mai indebolire la mia squadra del cuore”. Mentre, quando il Sassuolo batté 4-3 i rossoneri con conseguente esonero di Allegri, il patron neroverde si rivolse a Berardi con tono scherzoso e, allo stesso tempo, afflitto: “Ma dovevi farli proprio tutti oggi?!”.Dall’altra parte ecco Berlusconi, che ha già caricato la troupe di Inzaghi per la delicata sfida. “Martedì ci vedremo a San Siro, hip hip urrà!”, ha esclamato. Sintomo di una determinazione e allegria ritrovata. Ma soprattutto di una fame di vittoria non indifferente. Tanto che non ha perso occasione neanche di ricordarlo: “Siamo la squadra che nella storia del calcio ha vinto di più e io sono il presidente più vittorioso”. Squinzi, invece, si goderà la partita dalla tv, probabilmente esultando qualunque sia il risultato. Allora non resta altro da dire: che vinca il migliore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy