GAZZETTA – BERLUSCONI: “IL MILAN A CHI METTE 200 MILIONI L’ANNO. ALTRIMENTI RESTO”

GAZZETTA – BERLUSCONI: “IL MILAN A CHI METTE 200 MILIONI L’ANNO. ALTRIMENTI RESTO”

Silvio Berlusconi, presidente del Milan (Fonte: www.giornalemetropolitano.it)
Silvio Berlusconi, presidente del Milan (Fonte: www.giornalemetropolitano.it)
L’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport” ripercorre la lunga giornata di Silvio Berlusconi. Il presidente del Milan è in Liguria, impegnato con la campagna elettorale delle elezioni regionali, ma ieri tra televisioni e confessioni ai tifosi ha parlato abbondantemente di Milan, ribadendo un concetto: il Milan verrà ceduto solamente a chi potrà farlo grande. A spiegarlo con chiarezza è appunto la “Rosea” che riporta frasi pronunciate dallo stesso Berlusconi in un noto ristorante di Portofino: “Cerco qualcuno che possa immettere capitali. Il Milan è un brand diffusissimo: secondo un sondaggio i cittadini del mondo, quando si parla dell’Italia, adesso dicono pizza, mafia e Milan. Sto cercando qualcuno che metta 200 milioni l’anno. Se non lo trovo, il Milan me lo tengo. Il fatto è che ci sono pochi giocatori in giro. Nel senso che non mi piacciono le squadre come l’Inter, che ha dieci stranieri e una bestia: Ranocchia. Sono attento a scoprire le vere intenzioni di chi si offre di subentrare a me nell’azionariato”.Un concetto molto simile a quello espresso nel pomeriggio a TeleNord: “Cerco qualcuno che possa immettere capitali nel Milan. La mia prudenza è giustificata dal fatto che voglio scoprire se chi si propone vede nel Milan semplicemente un mezzo per acquisire una forte popolarità immediata. Prima di cedere voglio essere sicuro: anche la maggioranza, se arrivasse qualcuno che ogni anno facesse un’immissione a livello delle altre grandi squadre europee. A questo punto mi sacrificherei e mi staccherei dal Milan, ma solo dopo aver verificato le reali intenzioni di chi vuole acquistare il club”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy