GATTUSO: “MILAN, SOLO UNO PUO’ COMANDARE. GALLIANI COME UN PADRE”

GATTUSO: “MILAN, SOLO UNO PUO’ COMANDARE. GALLIANI COME UN PADRE”

Commenta per primo!

Gennaro Gattuto (fonte foto: milano.blogosfere.it)
Gennaro Gattuto (fonte foto: milano.blogosfere.it)
Gennaro Gattuso, centrocampista mai dimenticato dai tifosi del Milan, ha parlato del momento che stanno vivendo i rossoneri. Anima del Milan di Ancelotti, trascinatore di un popolo che conosceva solo la vittoria, ha rilasciato un’intervista a Mix24 di Giovanni Minoli, in onda su Radio 24: “Al Milan sono stato abituato ad una sola testa che comandava. Ce ne vuole sempre una. Tra Berlusconi e Galliani è il secondo a capirne di più di calcio. Zamparini? E’ un uomo molto astuto, una persona molto intelligente e quando non parla non dice fregnacce. Dal lunedì al venerdì è una persona veramente perfetta, ma dal venerdì diventa un mostro”.Sull’addio al Milan: “Il club mi aveva proposto di rimanere nello spogliatoio e per lo spogliatoio. Ma io volevo ancora giocare”.Sul Milan che fu: “Mi manca il Milan, Milanello, ma non il calcio giocato. Ho fatto più di quello che pensavo di fare. Per 14 anni al Milan ho fatto un altro sport, c’è una organizzazione incredibile, devi solo pensare a giocare bene e basta”.Su Galliani e Berlusconi: “Galliani è stato più di un ad. Discutevamo tanto, quando sbagliavo mi rimproverava come un padre. Non abbiamo mai discusso, però, per motivi economici. Berlusconi. I 15 minuti di chiacchierata prima della finale di Champions con la Juve sono stati come una viagra. Ha un carisma incredibile”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy