GANDINI ALLA CNN: “BALOTELLI NON E’ UNA MELA MARCIA, SUL SUO ADDIO…”

GANDINI ALLA CNN: “BALOTELLI NON E’ UNA MELA MARCIA, SUL SUO ADDIO…”

Mario Balotelli (Fonte foto: www.tuttocalcioestero.it)
Mario Balotelli (Fonte foto: www.tuttocalcioestero.it)
Lunga intervista rilasciata da Umberto Gandini, direttore dell’organizzazione sportiva del Milan, alla CNN e riportata da gianlucadimarzio.com. “Probabilmente Mario non ha effettuato il passaggio dall’essere un fantastico atleta all’essere un grande giocatore- spiega Gandini del passaggio di Balotelli al Liverpool– . Al Milan c’erano aspettative più grandi, sia da parte della società, sia da parte sua. Non ha ancora raggiunto il punto in cui è lui a trascinare la squadra. Fin quando non lo farà, non sarà in grado di mantenere le promesse. Mela marcia? No. Al Milan lui era molto, molto meglio di quanto è stato descritto in Inghilterra. E’ un fantastico ragazzo, umile, che riconosce i valori che gli hanno dato il calcio e la vita in generale. Mario ama lottare contro qualcuno o qualcosa, perché vuole dimostrare di saper prendere una posizione. Quando si sente provocato, lui si carica e a volte si spinge troppo avanti. Questa è una cosa che deve cerca di imparare a controllare”. Gandini, torna sul trasferimento al Liverpool di questa estate: “Pensavamo che la possibilità di giocare in un club come il Milan, dove sarebbe stato sostenuto con forza, avrebbe aiutato Mario, ma ad un certo punto ci siamo accorti che lui era in cerca di altre sfide e, per questo, ci siamo messi alla ricerca di altri giocatori. Il Liverpool era lì per lui. Penso che Mario, come molti altri giocatori, volesse giocare in Inghilterra”.Sul Milan. “Il costo pagato per non essere in Champions è pesante, per noi è importante tornarci il prima possibile. Non possiamo negare il fatto che l’esclusione dall’Europa abbia rappresentato comunque un punto di svolta, che ci ha costretto ad riorganizzare e cercare di migliorare il valore della squadra, per riconquistare la nostra posizione come uno dei migliori club europei. E’ molto importante, anche se sappiamo che non sarà facile”.E infine su Inzaghi: “E’ importante che Berlusconi e il club lo appoggino e finora ha i risultati dalla sua parte. Abbiamo fatto errori in passato, caduti in decisioni che il Milan di solito non fa, ma ci sono serviti da lezione”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy