FIORENTINA-MILAN 2-1, LE PAGELLE: I ROSSONERI SI SCIOLGONO SOTTO IL DILUVIO

FIORENTINA-MILAN 2-1, LE PAGELLE: I ROSSONERI SI SCIOLGONO SOTTO IL DILUVIO

La delusione di Montolivo, Bonaventura e Poli (gazzetta.it)
La delusione di Montolivo, Bonaventura e Poli (gazzetta.it)
Diego Lopez: Dottor Jekill e Mr Hyde. Come al solito è una sicurezza quando chiamato in causa, fa drizzare i capelli su diversi rinvii. Poco può sui due gol. Voto 6Abate: Al rientro da titolare dopo tanto, troppo tempo: la sua assenza si è sentita. Cerca l’affondo sulla destra, bene anche in fase difensiva fino al gol del pareggio della Fiorentina, quando si perde Rodriguez che incorna tutto solo a due passi da Diego Lopez. Rischia il rigore nell’azione seguente e viene sostituito. Voto 5 (dall’ 85′ Bonera: entra e dalle sue parti arriva il cross per la testa di Joaquin che fa il 2-1. La sconfitta non è colpa sua, ma su quel cross poteva fare qualcosa in più. SV)Mexes-Paletta: Ottanta minuti di difesa alta e ben riuscita. Poi il black out: due cross dalle fasce, due gol. Dove erano i centrali? Voto 5Antonelli: Torna a spingere e a pungere sulla fascia sinistra, nel secondo tempo col Milan ripiegato in difesa fa da tutor all’aspirante terzino Menez. I risultati sembravano incoraggianti, poi il gol del 2-1 viola manda maestro e allievo dietro la lavagna. Voto 5.5Van Ginkel: Meno timido del solito, libera con un tacco pregevole Antonelli nel primo tempo. I segnali di miglioramento ci sono, sia in fase di impostazione che in fase difensiva. Gioca novanta minuti, ma con un pizzico di carattere in più il Milan non si sarebbe abbassato così tanto. Voto 5.5Essien: Dopo aver sorpassato il connazionale Muntari nelle gerarchie di Inzaghi, Essien offre una prova discreta: finché il fiato tiene, il Milan è a galla. Se perde un pallone dalle parti di Diego Lopez arrivano le maree. Sul gol del pareggio lascia a spasso Rodriguez che va a mettere in crisi Abate. Voto 5.5 (dal 90′ Pazzini: SV)Bonaventura: L’asse con Antonelli e Menez funziona bene, così Jack è libero di creare e proporsi. Come al solito è sempre il più positivo. Voto 6Honda: Ottanta minuti di corsa e ripiegamenti su quella fascia destra che sempre di più sente sua. Prezioso il suo lavoro nella ripresa a far rifiatare i rossoneri in fase di ripartenza. Bene anche in copertura. Voto 6 (dall’80’ Cerci: entra tra i fischi dei tifosi viola, esce tra i fischi generali. La colpa della sconfitta non è certo sua, ma nel quarto d’ora concessogli da Inzaghi non si vede praticamente mai. SV)Destro: La vicinanza e gli insegnamenti di Mister Inzaghi si fa sentire sempre più: meglio, molto meglio rispetto alle ultime apparizioni, sembra più negli schemi della squadra, segnando come un rapace il suo secondo gol in rossonero. Se fosse stato il gol della vittoria… Voto 6.5Menez: Richards non è un centrale e lui se ne accorge: dalle sue parti gli spazi sono molti e lui cerca di far male. Il coltello dei rossoneri fa male ma non affonda: se avesse concretizzato una delle tante occasioni avute forse la partita avrebbe avuto un finale diverso. Almeno corre e “difende” fino all’88°… Il resto è storia nota. Voto 6Inzaghi: Questo Milan è peggio di un’incognita per un alunno di prima media. Non si capisce cosa sia, seppur sia facilmente intuibile. Discreto fino al vantaggio, poi la solita, inutile difesa del vantaggio. Solo che stavolta ritarda i cambi agli ultimi dieci minuti, portando in riserva tutta la squadra. E i risultati si sono visti. Voto 5

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy