EMPOLI-MILAN IN CIFRE

EMPOLI-MILAN IN CIFRE

Honda lotta saltando di testa (fonte: zimbio.com)
Honda lotta saltando di testa (fonte: zimbio.com)
Inizio di partita da dimenticare ieri per il Milan di Inzaghi ad Empoli: dopo appena 20 minuti la porta difesa da Abbiati si vede violata dalle reti di Tonelli (12′) e Pucciarielli (20′). Un Milan che soffre terribilmente nei primi 35 minuti e che riesce a ritrovare il gioco solo sul finale di primo tempo, rinvigorito soprattutto dal gol di Fernando Torres (il primo con la maglia rossonera) e salvato dal tracollo dalle parate del solito Abbiati. E’ infatti l’Empoli a dominare il campo e ad avere le migliori occasioni da gol con i rossoneri che si affacciano in attacco solo con Bonaventura dalla distanza. Una partita dalle due facce: dopo un inizio nuovamente targato ‘Empoli’ (con Tavano che divora il 3-1 al 55′) è il Milan che esce dalla metà campo e inizia ad attaccare con più decisione. La regola del calcio è chiara: gol sbagliato, gol subito. E così al 58′ Honda fa il 2-2. Padroni di casa che sembrano subire il colpo e rischiano di subire la rimonta con la traversa colpita da Menez.Partita che si chiude così, nei numeri, in sostanziale parità: Milan che è davanti nel possesso palla (60%), con 5 angoli battuti (contro i 3 dell’Empoli) e che in totale prova 15 volte il tiro (centrando lo specchio solo in 7 occasioni). Complessivamente sono 630 i palloni giocati dai rossoneri (di cui 382 passaggi completati): De Jong il migliore con 57 passaggi riusciti, seguito da Abate 48 e Bonera 44. Leggermente inferiori i numeri della squadra di Sarri: 511 palle giocate con il 61% di passaggi riusciti. Valdifiori (59 tocchi completati) e Mario Rui (24 palle recuperate, il migliore in campo) i nomi che si sono messi in mostra.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy