CESENA-MILAN, TUTTE LE DICHIARAZIONI DEI ROSSONERI: “DIFFICILE GIOCARE IN 10, BISOGNA LAVORARE E TORNARE A VINCERE”

CESENA-MILAN, TUTTE LE DICHIARAZIONI DEI ROSSONERI: “DIFFICILE GIOCARE IN 10, BISOGNA LAVORARE E TORNARE A VINCERE”

fonte foto: sportmediaset.mediaset.it
fonte foto: sportmediaset.mediaset.it
Il pareggio di oggi tra Cesena-Milan non ha lasciato certamente soddisfatti i giocatori rossoneri, che si aspettavano la vittoria contro una neopromossa dopo il passo falso ad Empoli.Jeremy Menez a Sky si è detto comunque ottimista sui progressi della squadra, rimarcando che il gol del Cesena era forse in fuorigioco. Concetto ribadito anche a Premium Calcio, dove il francese ha sottolineato come il cambio di modulo non conti, ma a fare la differenza sia lo spirito con cui si scende in campo.I guai del Milan sono sempre nella retroguardia. Adil Rami lo sa, e a Premium Calcio spiega come i gol subiti dai rossoneri siano troppi e bisogna lavorare per migliorare. Il centrale poi a Milan Channel ha sottolineato come l’inferiorità numerica e le condizioni del campo abbiano messo in difficoltà il Diavolo, il che rende accettabile il pareggio ottenuto al Manuzzi. Il francese è anche contento di giocare e ai microfoni di Sky ha spiegato che le precedenti esclusioni non sono frutto di una scelta tecnica di Inzaghi ma un ritardo di condizione del giocatore stesso.Arriva anche una voce fuori campo: è quella di Riccardo Saponara, che ai microfoni di Milan Channel ha fatto il punto sul recupero dall’infortunio e commentato il pari di Cesena. Secondo il centrocampista la decisione di Guida di espellere Zapata ha penalizzato i rossoneri.Più duro il commento di Giacomo Bonaventura, che a Milan Channel ha spiegato come l’arbitro non abbia visto o giudicato male in due occasioni che vedono coinvolte proprio il centrocampista. L’ex Atalanta poi ha comunque sottolineato come ai rossoneri sia mancata un pizzico di cattiveria per portare a casa i tre punti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy