CERCI A MC: “MI ASPETTAVO DI PIU’, E’ UN ANNO DIFFICILE”

CERCI A MC: “MI ASPETTAVO DI PIU’, E’ UN ANNO DIFFICILE”

Cerci e Inzaghi (fonte foto gianlucadimarzio.com)
Cerci e Inzaghi (fonte foto gianlucadimarzio.com)
Il Milan è tornato a vincere, ma Alessio Cerci non sembra essere pienamente soddisfatto. L’ex Torino ha spiegato a Milan Channel di non sentirsi ancora al 100%: “Ero un po’ giù a inizio partita, perché quando non si parte titolare c’è un po’ di dispiacere, ma poi sono entrato e sono soddisfatto. Sono entrato bene, c’erano molti spazi, avevo buona gamba, per me è importante essere entrato e contribuito alla vittoria che ci mancava e ci serviva”.La stagione: “Sinceramente parlando mi aspettavo qualcosa in più da questa stagione, ma sapevo che sarebbe stato difficile, non avendo fatto la preparazione fisica in estate, tornassi indietro farei scelte diverse. Giocando a volte sì e a volte no, non c’è la brillantezza che avevo a Torino. E’ un anno difficile, partito male, ma ho tanta voglia di dare il massimo e di tornare il Cerci che hanno conosciuto tutti quanti, mancano ancora dieci partite chissà che non si veda il vero Cerci.  Io devo dare sempre il 100% per tornare ad avere una forma fisica eccellente, quando ho la gamba giusta è difficile che sbaglio. Ci tengo tanto al Milan, sono stato io a voler venire qui, devo fare di tutto per tirare fuori il meglio di me. Al Pazzo ho dato palla perchè volevo che facesse gol, io ho sbagliato perchè arrivavo da 70 metri di scatto, la prossima volta magari segno”.Il futuro: “Se facciamo bene col Palermo possiamo raddrizzare la stagione, mancano 10 partite e ci sono tanti punti a disposzione, tutti insieme se ne può uscire, tutti uniti con la quadra giusta si può fare bene”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy