BONAVENTURA A CUORE APERTO: “IERI VOLEVO SEGNARE, DOVEVAMO VINCERE. CHE BRAVO RAMI!”

BONAVENTURA A CUORE APERTO: “IERI VOLEVO SEGNARE, DOVEVAMO VINCERE. CHE BRAVO RAMI!”

Giacomo Bonaventura
Bonaventura a Milanello, fonte foto www.sportmediaset.mediaset.it
A “Studio Milan lunedì” su Milan Channel, il centrocampista del Milan, Giacomo Bonaventura ha parlato a ruota libera::“Cerco sempre di fare il massimo, sono qua da poco e cerco di mettermi a disposizione aiutando la squadra. Sarebbe stato bellissimo fare un gol al derby però è stato bravo anche Ranocchia che mi ha chiuso il tiro bene facendo andare la palla solo vicino alla porta. Speravo che Stephan facesse gol anche perché la mia giocata sarebbe stata valorizzata ma l’importante è che si faccia trovare al posto e al momento giusto e il gol arriverà. Il nuovo ruolo? Per giocare sulla fascia bisogna avere grande condizione quindi bisogna allenarsi con continuità, sapere i movimenti e avere un’organizzazione col terzino o il centrocampista dalla mia parte quindi sapere come muoversi e aiutarsi. Fino adesso ho fatto bene perché ho compagni vicino molto forti, quindi tutto viene più facile. Io mi schiererei sia mezz’ala che esterno nel 4-3-3, durante tutte le giovanili ho sempre fatto la mezz’ala poi in prima squadra l’esterno quindi ho immagazzinato un po’ di tutto ma la cosa più importante è giocare quindi cerco di adattarmi.  Il 4-4-2 l’abbiamo fatto tanti anni a Bergamo con Colantuono quindi ne conosco molto bene i movimenti, l’unica cosa è che cambia un po’ da destra a sinistra soprattutto quando si riceve la palla, infatti giocando a sinistra posso venire dentro il campo invece a destra mi è più facile rimanere sul mio piede e andare lungolinea. Ieri sera peccato non aver fatto i 3 punti ieri anche perché credo che abbiamo fatto una buona partita. L’Inter non ci stava a perdere quindi ci ha messo lì e per alcuni tratti della gara abbiamo anche sofferto la loro spinta, il rammarico è che non siamo riusciti a fare un altro gol visto che abbiamo avuto occasioni importanti. Siamo partiti un po’ contratti, il Mister ci ha chiesto di stare stretti con gli esterni così loro hanno preso campo lateralmente alzando un po’ il baricentro e noi tendevamo ad abbassarci, ma parte Icardi non abbiamo concesso molto. Torres? Il centravanti soprattutto Torres deve essere servito in profondità, gli deve arrivare la palla in area, per questo bisognerebbe guadagnare la metà campo avversaria in modo da rimanere vicini e far arrivare cross e la palla agli attaccanti. La sua caratteristica è andare in profondità ma lui è anche un grande combattente, si da sempre da fare anche se gli arrivano pochi palloni. Il nuovo ruolo di Rami?  Ha fatto una bella partita ieri anche se con l’impegno della nazionale non abbiamo avuto tempo di provare molti movimenti, Adil ha interpretato benissimo il ruolo perché riusciva sempre a essere corto sul loro esterno quindi consentiva a me di rientrare meno e quando avevo la palla era sempre propositivo quindi sono riuscito a trovare delle giocate facili per lui perché ha grande gamba ed è bravo tecnicamente, giocatore fisico e dinamico. La mia esperienza al Milan? Per adesso sono contento qui, l’impatto è stato positivo, credo di aver fatto del mio meglio ma penso che si debba fare di più perché se giochi nel Milan bisogna vincere”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy