BERLUSCONI: “IMPRESSIONATO DA ALCUNI GIOVANI”. POI SCARICA INZAGHI

BERLUSCONI: “IMPRESSIONATO DA ALCUNI GIOVANI”. POI SCARICA INZAGHI

Silvio Berlusconi, presidente del Milan (Fonte: www.giornalemetropolitano.it)
Silvio Berlusconi, presidente del Milan (Fonte: www.giornalemetropolitano.it)
In visita al Milan Club Femminile Stella di Saronno, al fianco della grande tifosa rossonera Lara Comi, il presidente del Milan, Silvio Berlusconi si è soffermato sul suo Milan, spaziando dalla situazione societaria ai giovani, fino ad arrivare ad una stoccata all’attuale tecnico rossonero Filippo Inzaghi.LA MEGLIO GIOVENTU’, CHE FINE HA FATTO? – Berlusconi si sbilancia e subito va all’attacco: “I giovani? Si, alcuni mi hanno impressionato. Volevamo vederli in prima squadra, ma questa richiesta è rimasta inevasa”. L’ex Cavaliere vuole i giovani, meglio se italiani, ma chi di dovere non lo h ascoltato. E, se non ascolti il presidente, il tuo destino è segnato.E INZAGHI? – Da notare il noi delle dichiarazioni presidenziali. Sintomo di una famiglia, di una società non in sintonia con la guida tecnica. Anzi, nello specifico, il presidente ammette: “Con Inzaghi ho avuto delle visioni diversificate e decideremo più avanti.  Su di lui ci sono delle riflessioni da fare e delle situazioni che devono essere analizzate. Inutile parlarne adesso, bisogna fare nomi concreti, ci stiamo pensando. MERCATO E NUOVI CAPITALIBerlusconi parla anche del futuro immediato del Milan. Con una nuova campagna acquisti, nuovi capitali, nuovo entusiasmo. “Mercato imminente? Bisogna affrontarlo in maniera concreta. Cosa fare? Problema che stiamo cercando di risolvere con qualche finanziamento immediato. Per la cessione societaria abbiamo diverse offerte che testimoniano l’importanza del brand del Milan in Cina e in altri paesi. Le stiamo valutando, ma dobbiamo farlo con calma e prudenza perché sarà una scelta irreversibile. Dobbiamo trovare le persone giuste. Mr Bee? Bisogna che ci sia qualcosa in più della popolarità per pensare di investire nel Milan”.STORIA PASSATA E FUTURO A TEMPO PIENO – Le parole di Berlusconi rivelano una rinnovata voglia di competere. Guardando al passato ma protesi al futuro. Si è vinto tanto, ma si deve vincere ancora, soprattutto ora che, per lui la politica passa quasi in secondo piano. “La storia del Milan è fantastica e fa del Milan, insieme al Real Madrid, la squadra più titolata al mondo. Nei miei 30 anni alla guida del cCub, abbiamo raggiunto tanti successi e il Milan è diventato qualcosa che marca l’immagine dell’Italia. Da alcune ricerche, ho potuto constatare che il brand del Milan è fortissimo in Cina e negli altri paesi orientali. Abbiamo circa 350 milioni di tifosi in giro per il mondo. Sto cercando di individuare un gruppo di possibili sostenitori del Milan che condividano con me la necessità di fare quei finanziamenti che sono necessari in questo momento nel calcio. A quando rivedremo il Milan nelle Coppe? Al più presto possibile. Prima non ne avevo avuto il tempo perché ero in politica, ma ora posso dedicarmi a tempo pieno. Voglio ricominciare ad alzare le coppe alla mia veneranda età. E sarebbe un esercizio che mi farebbe bene”. I maligni direbbero che dopo queste dichiarazioni, il presidente non voglia più vendere. Ma leggendo tra le righe si capisce che Berlusconi ha capito di non poter da solo risollevare questa squadra ed è necessario un appoggio esterno. Ma il comandante resterà lui, perchè il Milan è una parte del suo cuore, ed è ora che torni al centro del suo mondo. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy