BELOTTI: “SHEVA IL MIO IDOLO, QUANDO ANDAI LA PRIMA VOLTA A VEDERE IL MILAN…”

BELOTTI: “SHEVA IL MIO IDOLO, QUANDO ANDAI LA PRIMA VOLTA A VEDERE IL MILAN…”

Andrea Belotti - fonte foto: ftbpro.com
Andrea Belotti – fonte foto: ftbpro.com
Intervistato da Vivoazzurro.it, l’attaccante del Palermo e della Nazionale Under 21 Andrea Belotti ha svelato un retroscena sulla sua infanzia e il nome del proprio idolo: “I miei primi ricordi del calcio sono legati al Milan, quando andai a San Siro a vedere una partita con mio papà. Da quel momento il mio idolo diventò Shevchenko. Cominciai a calciare qualsiasi cosa in cortile, rompendo vetri e muri….Di danni ne ho fatti anche dentro casa, quante me ne hanno dette i miei….Ma non li ascoltavo più di tanto, troppa passione. Se non fossi diventato calciatore probabilmente avrei fatto il geometra, continuando gli studi. Che giocatore sono? Credo di avere una buona tecnica di base, tuttavia prediligo ricevere palloni alti ed un gioco fisico. Ammiro Totti, Del Piero e Toni, ma Sheva rimane il mio idolo”.Sull’origine di “Gallo”, suo soprannome: “È un soprannome che mi piace  e mi tengo stretto. Era nel mio destino, perché da piccolo passavo ore a fissare i galli nell’azienda agricola di mia zia.  Viene dal mio modo di esultare, mettendomi una mano a cresta sulla testa. Me lo suggerì un mio amico, che di cognome fa proprio Gallo. Ormai l’ho fatto mio”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy