BELLINAZZO: “MILAN E INTER, CONVIVENZA ANCORA PER POCO. NUOVO STADIO? INVESTIMENTO UTILE E VANTAGGIO CONTABILE”

BELLINAZZO: “MILAN E INTER, CONVIVENZA ANCORA PER POCO. NUOVO STADIO? INVESTIMENTO UTILE E VANTAGGIO CONTABILE”

San Siro (fonte foto: hotelcarrobbiomilano.com)
San Siro (fonte foto: hotelcarrobbiomilano.com)
Intervistato da Gianlucadimarzio.com, il noto giornalista de Il Sole 24 Ore Marco Bellinazzo ha fatto il punto sulla questione stadio per Milan e Inter e su quanto San Siro incida sui conti delle due società: “Milan e Inter devono decidere cosa fare da grandi rispetto alla gestione dello stadio. Ad oggi, il costo d’ affitto di San Siro per le due squadre è di 4 milioni a testa, cifre notevolmente superiori a quelle delle altre squadre di Serie A. Arrivare all’ammodernamento di San Siro è fondamentale: in parte questo processo è già stato avviato, tanto è vero che ospiterà la finale di Champions League nel 2016, ma bisognerà rivedere completamente la struttura. Sia in termini di capienza, riducendola, sia sviluppando tutta l’area hospitality. E’ già stato fatto molto, ma si deve fare di più perché si lavora su una struttura che ha decenni di vita”.Sulla possibilità che i rossoneri e i nerazzurri possano dunque proseguire insieme al Meazza: “Potrebbe essere funzionale almeno nel medio-periodo, sfruttare al meglio lo stadio potrebbe garantire nell’immediato un ulteriore aumento dei ricavi. I progetti vanno in questa direzione: si deve decidere se continuare e per quanto continuare questa convivenza, chi resterà a San Siro e chi avvierà il processo di costruzione di un nuovo stadio. Questi passi sono fondamentali, pensiamo ad una squadra come il Napoli che, viste le condizioni del San Paolo ed il mancato intervento in questi anni, perde ogni anno circa 15 milioni di euro di possibili introiti. E’ uno dei problemi principali del calcio italiano”.Su quanto potrebbe incidere la costruzione di un nuovo stadio relativamente al Fair Play Finanziario: “La legge di stabilità del 2014  ha previsto un iter accelerato e la possibilità di incentivare i privati negli investimenti in queste strutture: è un buon viatico per realizzare dei progetti importanti. A Roma siamo già nella fase avanzata per quanto riguarda la procedura di approvazione degli enti locali, da altre parti siamo più indietro. E’ chiaro che le società italiane devono procedere a questo tipo di investimento, magari sacrificando per qualche stagione il proprio rendimento sul campo e concentrandosi sugli investimenti infrastrutturali. L’esborso sarebbe importante, ma c’è un aspetto da non sottovalutare: i costi, o gran parte di essi,  legati alla costruzione dei nuovi stadi, sono considerati virtuosi dalla UEFA e quindi non se ne tiene conto nell’applicazione del fair play finanziario. E’ un vantaggio contabile da sfruttare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy